L’artista inchiodato sulla piazza Rossa

Petr-Pavlensky-kremlinAbbiamo fatto la conoscenza, virtuale ovviamente, dell’artista russo Petr Pavlensky in occasione di una iniziativa che lo vide presentarsi in una piazza di Mosca completamente nudo e avvolto nel filo spinato. Tutti i particolari in questo post.

Oggi torniamo a parlane di lui in seguito alla sua nuova performance artistica, ancora più estrema. Le persone sensibili, che si impressionano e svengono con facilità [dico a te ALicE] farebbero meglio a non continuare la lettura del post.

Qualche giorno fa Pavlensky si è recato di nuovo completamente nudo nella piazza Rossa, si è seduto in terra e rapidamente, in meno di un minuto e mezzo per la precisione, ha inchiodato il suo scroto al manto stradale realizzando un’installazione vivente cui ha dato il nome di Fixation. Questa azione rappresenta, a suo dire, una metafora dell’apatia, dell’indifferenza politica e del fatalismo della società russa che rinuncia all’azione e si fissa sui fallimenti e le perdite che la inchiodano stabilmente al pavimento del Cremlino rendendola un esercito di idioti in attesa del proprio destino.

Pavlensky è stato arrestato e subito rilasciato senza alcun addebito.

Il mondo artistico russo ha risposto non sempre in termini positivi. C’è stato infatti chi,  come il curatore Marat Guelman, ha visto nella performance di Pavlensky una manifestazione di totale impotenza e disperazione: Fixation non sarebbe un’azione di protesta ma un segnale di resa. Fare una cosa del genere non significa essere coraggiosi, ma non avere più speranze.

Comunque la si voglia vedere, non si può negare che Pavlensky sia riuscito ad attirare l’attenzione di numerosi media internazionali.

Ah, ci tengo a tranquillizzarvi. Come ha dichiarato a TV Rain, una televisione russa, l’artista sta bene e non ha subito danni fisici come esito della sua particolare performance.

Qui sotto il video. Se dovessero eliminarlo lo trovate anche qui. Io ho resistito solo per pochissimo a vederlo, per quanto ne so alla fine potrebbe anche arrivare il commissario Basettoni accompagnato da Topolino per arrestarlo 😉

P.S. Ho scoperto che anche la Littizzetto ha parlato di Pavlensky. Il suo commento è come al solito fulminante. Eccolo: “Ma hai visto le foto di quello che per protesta si è inchiodato i testicoli sulla Piazza Rossa? E guarda, non si è nemmeno lamentato, niente: gli è scappato solo un ahi quando si è dato il martello sul dito”.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

3 Risposte a “L’artista inchiodato sulla piazza Rossa”

  1. e pensa che invece qua da noi un’installazione permanente con chi di dovere (ma ne basterebbe uno) risolverebbe un sacco di problemi.

  2. la littizzetto l’ho sentita, efficace come lo è spesso!
    anch’io avrei qualche idea, sarei per uno solo non basta, perchè gli italiani dimenticano facilmente, troppo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: