Fotografia della Storia o Storia della Fotografia. La carestia in Uganda

Mike wells ugandaÈ una fotografia che fa stringere il cuore, che più e meglio di tante parole parla di vita e di morte, di ricchezza e di povertà, di mondi agli antipodi che si toccano in quelle due mani, quella di un bambino consumato dalla fame e quella di un missionario.

L’ha scattata nell’aprile del 1980 il fotografo inglese Mike Wells nel distretto di Karamoja in Uganda, una regione caratterizzata dal clima più secco del paese che provoca siccità e carestie. La carestia di quell’anno in Uganda, tra le peggiori della storia, provocò la morte del 21% della popolazione e del 60% dei bambini. È stata superata probabilmente solo da quella finlandese del 1696 che uccise un terzo degli abitanti di quel paese.

Una volta realizzata l’immagine, Wells la inviò all’agenzia per la pubblicazione, ma restò inedita per cinque mesi. Dopo di che la stessa agenzia la mandò a concorrere al World Press Photo Award senza l’approvazione del fotografo che vinse il premio ma dichiarò di vergognarsi per averlo conquistato con una immagine di un bambino che moriva di fame.

Sono passati oltre trent’anni, ma in Uganda e in particolare in Karamoja la situazione non è assolutamente migliorata: carestie, siccità e violenza tra le quattro minoranze etniche persistono e i suoi abitanti continuano a vivere e morire drammaticamente.

Per leggere le puntate passate e future (è possibile anche questo nel Blog delle Ragazze 😉 ) cliccate sull’argomento “Storia della Fotografia” alla fine del post.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

4 Risposte a “Fotografia della Storia o Storia della Fotografia. La carestia in Uganda”

  1. non ho capito perché la storia della fotografia coincide con la storia delle disgrazie…

    • Hai ragione, non ci sono solo disgrazie. Se ci penso mi vengono in mente almeno due baci famosi, la ragazza con il fiore in mano di fronte la polizia armata durante una manifestazione contro la guerra del Vietnam. E chissà quant’altro. Forse le foto sulle disgrazie hanno un maggiore impatto emotivo. O forse, visto che questa storia della fotografia è a mio sindacabile giudizio, questo è il mio mood. E voi sindacate pure 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: