Vicini troppo vicini

vicini di casaOra, sarà pure vero, come dice l’amico diaccaerre, che succedono tutte a me, ma qui il troppo stroppia, come si dice a casa mia!

Fatto sta che quanto a vicini di casa non siamo stati mai molto fortunati. Prima siamo stati vessati da un condomino che era infastidito dal nostro sciacquone. Così il Papà delle Ragazze ha investito un bel po’ di soldini per insonorizzare il tubo di scarico. Tutto inutile perché il Tipo continuava a sentirlo. Così siamo arrivati al divieto imposto da nostro padre di tirare l’acqua in “quel” bagno dopo le 23. Certo è che noi invece continuavamo a sentire attraverso i muri le loro urla, le botte che lui dava alla moglie e le parolacce con cui le condiva. Ma questa è un’altra triste storia!
Poi è stata la volta di quelli del piano di sopra che a tutte le ore spostavano mobili e durante la notte avevano l’abitudine di fare lunghissime passeggiate per tutta casa con delle pantofole con la tomaia in legno. Abbiamo provato a dirglielo in tutte le lingue, ma niente! Fino a che il Cielo ha voluto che hanno venduto il loro appartamento. Evviva, abbiamo pensato, quasi stappando una bottiglia di champagne! E invece c’eravamo sbagliati. E di grosso, anche, perché, come si dice in giudaico romanesco “male ‘a tosse, pejo ‘o catarro!”
Già perché ad aver acquistato l’appartamento di sopra è stata una coppia di anziani apparentemente tranquilla, ma che poi si sono rivelati dei veri e propri cacacazzi  rompiscatole!
La questione è la seguente: si tratta della casa al mare. E’ in un condominio “adagiato” su una collina, per cui ogni terrazzo guarda quello del piano di sotto come fosse il gradino di una scala. Noi, ci conoscete ormai, siamo una famiglia di pazzi, criminali e mentecatti e d’estate osiamo perfino fare il barbecue… diciamo una volta a settimana!!!
Un comportamento inammissibile, lo riconosco! Anzi: mi autodenuncio!
E il nostro vicino, che è scaltro assai, se ne è accorto. Tanto che ci ha fatto dire dal portiere che dovevamo interrompere queste azioni criminose, o ci avrebbe denunciato.
In verità una sera è anche sceso a casa nostra dandoci, anzi: dandomi (turate le orecchie ai bambini) “della stronza” perché a lui la puzza del nostro barbecue dava fastidio! E si che stavamo cucinando delle semplici bistecche di manzo! Non pesce, non salsicce!
Da allora il Papà delle Ragazze ha preteso che il barbecue si andasse a fare praticamente sulle scale di ingresso, a 50 metri dalla tavola, in modo che il pazzo  nostro Vicino dall’olfatto sopraffino non fosse infastidito dai nostri fumi. Con il risultato di mangiare ogni volta delle bistecche praticamente gelate.
Noi naturalmente in assenza del Papà non ottemperavamo a questo ordine assurdo, e abbiamo continuato beatamente a farci le nostre bistecche nel nostro terrazzo.
Ma adesso viene il bello: La scorsa settimana spicy si è recata alla riunione di condominio della casa al mare, e a fine serata è stata avvicinata da quello che non aveva capito essere “lui” il quale le ha consegnato una lettera per papà.
Ovviamente tale missiva è stata immediatamente scansionata e distribuita in famiglia e fuori. Eccola (cliccare per ingrandire):
Ma vi rendete conto? E’ andato a scovare una notizia del cazzo così futile, che nemmeno i nostri Scienziati Paciocconi, e ne ha fatto un caso clinico pericoloso dal quale tenersi lontano!
Ma secondo voi c’è più monossido di carbonio nell’aria ossigenata e iodata di un posto di mare, sia pure con i pericolosissimi fumi prodotti dalla nostra grigliata, o nell’aria di Roma, dove c’è un tasso di inquinamento elevatissimo e il più alto tasso di motorizzazione in Europa? Che farà il nostro Vicino dall’olfatto sopraffino, scriverà lettere su lettere anche al nostro sindaco per far cessare questa pericolosissima attività, cioè quella di guidare?
E poi: quanto monossido di carbonio deve aver mai inalato la poveretta cinese per subire dei danni cerebrali?
Ma soprattutto: sapete quanto darei io per parlare l’inglese senza sforzi????
Annunci

8 Risposte a “Vicini troppo vicini”

  1. ma alla fine j’avete detto “stupidino”, creandogli delle illusioni, o che?

    • Oooh, diaccaerre, saresti stato orgoglioso di me! Né l’uno né l’altro! L’ho messo alla porta con decisione intimando ai bambini di non ascoltare quanto stava uscendo dalla bocca di “questo gran maleducato”!

      Poi per la verità, nell’intimitá delle nostre conversazioni familiari…. non gli ho certo dato dello “stupidino”! Nessuna illusione!

  2. vedi che secondo me ha “peintscioppato” la data, c’era scritto aprile, mica ottobre.

  3. Ti capisco… Ahimè…
    Anche noi, alla casa al mare, dobbiamo evitare di fare grigliate perché sale il fumo… Però quelli dei piani di sopra continuano a sgrullare la tovaglia fuori dal balcone inondandoci di briciole e quant’altro…
    E per quanto riguarda Roma, proprio in questo momento la vicina del piano di sopra, che si crede una grande cantante, sta urlando a squarciagola Vorrei la pelle nera. Mentre io vorrei tanto che si tappasse la bocca… Ok, è quasi mezzodì e non mezzanotte, però certi abomini preferirei evitarli.
    Mchan
    Ps: ma invece di lamentarsi il vostro vicino dovrebbe ringraziarvi, gli risparmiate euro ed euro di corsi linguistici 😉

  4. Infatti pensavo di rispondergli così:

    “Diar near,

    Ai tink det mai barbecue is not very periculus, infact, es you ken sii, Ai spik italian very well!”

    Che ne dite?

  5. In età adulta non ho mai vissuto in un condominio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: