Come diventare creativi secondo gli Scienziati

archimede pitagoricoVi piacerebbe essere creativi, avere una mente scoppiettante che sprizza invenzioni e trovate a ogni pie’ pensiero sospinto? Disperate di riuscirci perché siete dell’idea che chi nasce quadrato non può morir tondo? Ebbene, vi sbagliate di grosso. E non lo dico io che non sono nessuno e non sono nemmeno creativa, ma ce lo spiegano i nostri amici Scienziati Paciocconi. Quindi, con spirito di servizio, vi propongo una guida in 10 punti per diventare creativi stilata sulla base degli studi più recenti. Scientifici eh!

1. Se siete tra quelli, come me, che appena svegli non sapete nemmeno come vi chiamate e avete bisogno di un bel po’ di tempo perché si dissipi la nebbia che stagna nel vostro cervello, sappiate che è proprio questo il momento migliore per trovare le soluzioni creative che rincorrete da tempo. Almeno così ha evidenziato uno studio realizzato un paio di anni fa da certi Scienziati statunitensi. Io mi permetto di sollevare qualche dubbio: se costoro mi vedessero al risveglio ritirerebbero l’articolo.

2. Se siete in cerca di insight, il più grande errore che potreste fare è chiudervi nella vostra stanzetta, sedere alla scrivania e concentrarvi sul problema che vi perseguita da giorni. Proprio così. Per tirar fuori soluzioni creative, non c’è niente di meglio che farvi un goccetto. Nello studio cui facciamo riferimento, in particolare, il gruppo sottoposto ai test che aveva bevuto un po’ di vodka aveva avuto risultati migliori di coloro che erano rimasti a secco. Da brilli, ci dicono i Nostri, è più facile mettere in azione un pensiero divergente.

3. Negli ultimi tempi sembra che il brainstorming abbia perso il suo appeal. C’è infatti chi ritiene che la paura del giudizio trattenga le persone dal condividere col gruppo le proprie idee, soprattutto quelle più bislacche che, al contrario, sono considerate una risorsa in questa modalità di lavoro. E invece, studi recenti ribadiscono l’utilità e l’efficacia di questo strumento. Quindi dategli sotto con la tempesta delle idee.

4. Per non sbagliare, comunque, gli Scienziati consigliano di far precedere il brainstorming tradizionale da un auto-brainstorming individuale scritto che sembrerebbe essere più efficace.

5. Secondo gli Scienziati la nostra creatività emergerebbe in modo più agevole se pensiamo soluzioni per degli estranei e non per noi stessi. Per esempio, in uno studio del 2011, le persone disegnavano alieni più creativi se sapevano di dover illustrare storie scritte da altri. Perché l’altruismo premia, ecco perché 😉

6. Questa è l’indicazione più facile da seguire per ciascuno di noi: trasferitevi all’estero, ci consigliano gli Scienziati e la vostra creatività  sarà dirompente. Che ci vuole? Preparate la valigetta e partite: vedrete che fuochi d’artificio! E non provate ad accampare scuse.

7. Questa indicazione è incredibile, ma poiché è di facile attuazione io dico che conviene provare a seguirla. Che ci costa? Dovesse funzionare diventeremmo tutti degli Archimede Pitagorico senza sforzi eccessivi. State sulle spine eh? Va bene, ve lo svelo. Non dovete far altro che muovere gli occhi a destra e a sinistra per trenta secondi. Questo, secondo il solito studio, metterebbe in comunicazione i due emisferi con grandi benefici in termini di soluzioni creative trovate.

8. Un altro sistema per scovare soluzioni originali è… chiedere aiuto. Straordinario eh? Poi, aggiungo io, se chiedete aiuto al genio del gruppo il gioco è fatto.

9. Secondo gli Scienziati, poi, è più probabile mettere in moto la creatività ampliando il gruppo di lavoro e inserendo nuovi elementi. Se poi i nuovi membri sono anche dei creativi diventa tutto più facile 😉

10. E infine, ultima ma sicuramente non ultima indicazione, se volete veder scaturire dalla vostra testa idee degne di un Leonardo, decorate il luogo in cui lavorate di blu. Questo sulla base di uno studio in cui chi aveva lo sfondo del pc blu trovava soluzioni creative più di coloro che lo avevano rosso. Secondo gli ineffabili Scienziati questo colore sarebbe associato a un approccio esplorativo.

Questo è tutto, ma sono certa che vi sarà sufficiente per emergere nel vostro lavoro. E se non dovesse essere così mettetevi il cappello pensatore di Archimede, magari funziona di più.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

11 Risposte a “Come diventare creativi secondo gli Scienziati”

  1. Punto 11… anzi -1: Starsene rilassati e pensare ad altro. Se si dice che le idee “vengono” è proprio per indicare che arrivano da sole.

  2. e comunque (vedi punto 7) se siete mancini, come sempre, affaracci vostri 😀

  3. Il punto 8 è quello che mi convince di più.
    Non so nemmeno io il perché.

  4. ciao,
    devo dire che il punto 7 mi suona molto strano. oggi ne parlo con un oculista.
    Gli altri punti, a modo loro, li trovo utili

    Daniele Vanoncini

  5. Ciao,
    eccomi: un optometrista-oculista mi ha risposto che questo discorso della correlazione movimetno occhi -> creatività (o meglio generica attività cerebrale o problem solving) è un aspetto che viene trattato più da un neurologo.
    Qui, secondo lui, biosgna stare attenti quando si leggono i risultati di certi esperimenti in quanto gli eventuali migliori risultati ottenuti post movimenti oculari possono avere cause diverse.
    Saluti e complimenti per il blog interessante.

    Daniele Vanoncini

  6. Grazie Daniele per la tua sollecitudine. E infatti gli Scienziati di cui parliamo qui sono un po’ Paciocconi.
    Complimenti a te per il tuo blog.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: