Il fumo? Lo consiglia il medico!

I danni che il fumo provoca alla salute sono ormai chiari e dimostrati. Ne siamo tutti consapevoli e chi fuma ancora oggi sa di farlo a proprio rischio e pericolo. 

Siamo abituati agli avvisi terrorizzanti scritti sui pacchetti di sigarette, al divieto di pubblicità diretta o indiretta al cinema e in televisione. Gli eroi e i protagonisti, al contrario di quel che accadeva in passato, si guardano bene dal farsi cogliere avvolti dal fumo.

Figuratevi quindi il mio stupore quando ho scoperto queste pubblicità d’epoca in cui si incentiva il consumo di sigarette, si proclama non solo la loro innocuità, ma anche i benefici effetti sulla salute.

E a farlo sono volti popolari, attori come Ronald Reagan, Fredric March, John Wayne e ovviamente Marlene Dietrich, e sconosciuti vestiti da medico.

A sentir loro le sigarette, prescritte dal dottore e raccomandate dai dentisti, rinfrescano la gola, prevengono le irritazioni del naso e della gola, agiscono contro la tosse, fanno bene alla digestione e alla dentatura.

Va bene che la Bayer proponeva l’eroina come fosse una panacea senza effetti collaterali e che le amfetamine, vendute senza ricetta, venivano pubblicizzate in Giappone con lo slogan “Meglio di una settimana di vacanza”, e quindi non dovremmo meravigliarci, tuttavia queste pubblicità del fumo un po’ di effetto lo fanno.

Di seguito qualche esempio (cliccare un’immagine qualunque per aprire la galleria).

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

6 Risposte a “Il fumo? Lo consiglia il medico!”

  1. ah bella questa chicca… la rebloggo…
    un saluto x una buona giornata

  2. L’ha ribloggato su ♥ Rоѕa ♥e ha commentato:
    mah

  3. ancora non riesco a trovare qualcosa in cui ronald reagan non abbia fatto danni.

  4. La locandina delle Craven A è decisamente “perturbante” — con possibile richiamo ‘hard’ nel collegare la gola di una bella donna a un oggetto esteso in lunghezza.
    Eppure la pubblicità si auto-vanifica perché al collo della donna c’è una fascia nera, come in quel racconto di Poe in cui si scopre che lei era già morta (ghigliottinata).

    • > possibile richiamo ‘hard’ nel collegare la gola di una bella donna a un oggetto esteso in lunghezza

      Esteso in lunghezza, ma fino fino fino! A me non evoca niente di hard, ed è tutto dire 😉
      E solo tu potevi arrivare a pensare al racconto di Poe. Sei una miniera!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: