La forchetta nel pene

rx forkChe cosa ci fate voi con le forchette? Le usate per portare il cibo alla bocca? In effetti, la maggioranza degli esseri umani risponderebbe così, ma c’è almeno una persona che le ha utilizzate per scopi diversi.

Ci raccontano questa storia per certi versi (forse per tutti i versi) raccapricciante dei medici dell’ospedale di Canberra, Australia. Un bel giorno (per loro che ci hanno scritto su un articolo) si è presentato al Pronto Soccorso un uomo di 70 anni il cui pene perdeva sangue dal meato. La radiografia (la vedete sopra) ha presto mostrato quale fosse il problema: quel gran porcello, per procurarsi piacere (!!!???) sessuale, si era infilato nel pene una forchetta la quale faceva bella mostra di sé dentro la sua povera uretra.

Subito i medici presenti, con grande eccitazione immagino, si sono messi a ragionare su come estrarla da lì e alla fine hanno deciso per la trazione mediante forcipe. Ovviamente con tanto, ma tanto, lubrificante. La foto sotto ci mostra il culmine dell’intervento.

Gli autori spiegano che la mente umana in questo genere di cose, ma anche in altre credo, è molto creativa e passano, sulla base della letteratura, a elencare gli oggetti che le persone introducono nel proprio corpo in buchi diversi dalla bocca 😉 Eccoli: aghi, matite, penne a sfera, cappucci di penne, fili metallici da giardino, cavi di rame, spille da balia, brugole, cavi, cavetti, sondini, cannucce, spazzolini da denti, batterie, lampadine, cotton fioc, tazze di plastica, termometri, piante, carote, cetrioli, fagioli, stecche di bambù, foglie, code di scoiattolo, ossa, serpenti, giocattoli, spirali contraccettive, tamponi, pessari. E anche polveri, come la cocaina, e liquidi, come la colla e la cera calda. E poi chissà quanto altro.

Ma un po’ di sesso vecchia maniera, su e giù, sopra e sotto no? È roba superata?

forceps

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

13 Risposte a “La forchetta nel pene”

  1. Perdindirindina che testa di ca..o questo settantenne! [Il doppio senso è venuto facile facile ]

  2. Laura, era questo “il post schifoso” che avevo letto in bozze!

  3. “Osteria nummero venti, paraponziponzipò, se la F1çA avesse i denti, parapaponziponzipò…..”

    bisognerà pure organizzarsi per non mangiare il volatile con le mani, ma usando coltello e forchetta!

  4. censura subito. oppure segnalare che si tratta di un post la cui lettura è sconsigliata a un pubblico maschile.

  5. Giuro. D’ora in poi mangerò con le mani…

  6. certo che la coda di scoiattolo….. un morbidoso quell’essere umano che l’ha utilizzata!!!!!

  7. Ho visto cose che voi alieni non potreste neanche immaginarvi…

  8. Buongiorno (sono le quasi le 8,00 del mattino e lo posso dire).

    Ho dato una veloce scorsa agli articoli sotto la voce “Scienza pacioccona”, la raccolta di testimonianze delle performace di scienziati e affini che sarebbero in odore di “Premio IgNobel”.
    Proprio per la superficialità con cui ho sfogliato il tomo non sono in grado di dare sostanza ad alcune mie perplessità, che insitillano in me il sospetto che alcuni argomenti siano stati trattati col modus operandi del recente Gramellini (avete presente il tale che se l’è presa con gli algoritmi?), anche se va detto che il tono che si percepisce qui è sempre lieve – come è meglio che sia qualsiasi presa per i fondelli – a differenza di quello apertamente offensivo usato dal giornalista succitato.
    Giudizio sospeso, quindi, per quel che mi riguarda, e nessuna particolare e mirata obiezione su argomenti specifici.

    Tuttavia, posso sollevare qualche interrogativo a proposito di questo post che, per sicurezza, ho letto più volte: per quale motivo il resoconto del fatto è stato ascritto alla categoria, appunto, “Scienza pacioccona”? Forse, per il “ragionamento” dei medici a proposito del modo con il quale estrarre la forchetta dal pene? Per la constatazione che gli esseri umani sono capaci di infilare di tutto negli orifizi disponibili? O per il “formalismo” del quale gli abstract e i paper degli addetti ai lavori sono generalmente permeati?
    Ringrazio anticipatamente per il chiarimento.

    Un saluto

    • Marcoz, l’attenzione con cui leggi i nostri post e la profondità con cui ci rifletti su ci lusinga, ma non siamo certe di meritarle, noi sempre così dedite al cazzeggio. Anche quando poni interrogativi ci dai degli spunti di riflessione. Già, perché abbiamo incluso questo post nella categoria Scienza Pacioccona? Forse per tutti i motivi che tu elenchi e forse anche per altri, ma in questo momento proprio non mi vengono in mente 😉
      Un saluto a te

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: