Canta che ti passa!

luzzati_il_coroCome ho già avuto occasione di raccontare qui sul blog, il Marito e io quando abitavamo a Milano abbiamo cantato in un coro meraviglioso. Si chiamava (e si chiama ancora) Cantosospeso. Mi sono fatta tutta la gravidanza della mia Figlia Mediana cantando in giro per la Lombardia. Ho cantato fino al momento del parto. La mia Figlia Mediana, non a caso, ha una propensione alla musica non comune: intendiamoci, non siamo ai livelli di bambini prodigio: ma è molto intonata, canta in un coro e suona il pianoforte da quando aveva 7 anni. Io dico che dipende dal fatto che ascoltava molta musica (da dentro e da fuori) fin da quando era in pancia. Insomma, secondo me è merito del mio coro.

L’altro giorno laura mi ha mandato un articolo del New Scientist nel quale si parlava degli effetti benefici del cantare in un coro e in particolare dell’impatto sul cuore.

Björn Vickhoff dell’Università di Göteborg, in Svezia, ha reclutato 15 cantanti e ha chiesto loro di intraprendere una serie di attività di canto corale, dal ronzio monotono, a cantare un mantra meditativo o un inno cristiano; il tutto mentre venivano monitorati i loro parametri vitali.

Dalla mia esperienza personale posso dire che cantando in un coro ogni voce si deve calibrare e adeguare a quella degli altri, per fare in modo che il risultato sia armonico e melodioso. Dal punto di vista scientifico la mia deduzione pratica viene confermata: emerge infatti da questa ricerca che le frequenze cardiache dei cantanti fluttuavano in sintonia. Questo effetto, già conosciuto come RSA (respiratory sinus arrhythmia) farebbe in modo che la frequenza cardiaca vari in sincronia con la respirazione arrivando a produrre effetti rilassanti e calmanti, al pari, ad esempio, della meditazione o dello yoga.

A Roma il Marito e io non siamo riusciti a trovare un coro che ci piacesse: eravamo stati troppo viziati dalla nostra esperienza milanese. A dire il vero però ci siamo andati vicino: ci unimmo a un coro nato da un gruppo di amici amanti della bella musica: scrivevano e arrangiavano da soli i pezzi. Erano bravi a dir la verità! Entrare è stata molto dura. Uscirne molto meno. Alla vigilia di un concerto noi due eravamo molto emozionati; la direttrice ci disse: “Voi è mejo che domani restate a casa, perché ar concerto dovemo fa’ bella figura!”

Il nostro direttore brasiliano ci aveva insegnato tutt’altro. Ci aveva abituato a sentirci parte di un coro: tutti dovevamo partecipare ai concerti, a costo di fare “il pesce” quando non ci si sentiva di prendere parte a un pezzo difficile, ma non importava perché  la cosa essenziale era “esserci”. E quindi? E quindi il Marito e io, con l’ugola tra le gambe, ce ne siamo tornati a casa a cantare sotto la doccia! Con buona pace dei nostri vicini.

Annunci

7 Risposte a “Canta che ti passa!”

  1. Solo la figlia Mediana ha predisposizione per la musica? Perché in una casa dove si canta (anche sotto la doccia) e si ascolta musica di solito tutti amano la musica. Io niente coro incinta ma molta musica a tutte le ore, concerti, lezioni, canti…così tutti i figli amano la musica e, pur piccoli, hanno già dei gusti ben delineati.

    • In effetti non sono stata precisa: anche a casa nostra si respirano note musicali: il Marito suona la chitarra da sempre; tutti e tre i Ragazzi sono molto musicali: il Figlio Piccolo, che ora ha 8 anni, ha sempre sostenuto di voler fare il batterista: l’ha detto e l’ha fatto: studia batteria e solfeggio ritmico da due anni e suona che è uno spettacolo vederlo! Il Grande ha un dualismo che adoro: suona la chitarra classica da 6 anni, e non vuole sentir parlare di passare a quella elettrica, però nel contempo ama il rap (di quello inascoltabile, preferibilmente rap romanesco) ed è diventato rapper a sua volta: scrive i testi e li canta, o forse dovrei dire “li parla”…

  2. > Li parla tua sorella

    Condivido! Prova ad ascoltare i testi, ALicE! Sono molto interessanti.

  3. ALicE mi ricordo qualcosa della tua esperienza milanese 🙂
    Riguardo al coro romano penso non vi meritasse.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: