Siriani in Israele: ospiti in un Paese straniero?

Riceviamo da Sergio e volentieri pubblichiamo

DSCN1582_840Ho un lontano ricordo, risale agli anni ottanta quando con la famiglia facemmo un viaggio negli Stati Uniti, a New York. Lì avemmo l’occasione di parlare con alcuni italo-americani. Non ricordo minimamente quale fosse a quel tempo il governo di turno in Italia: CAF, pentapartito, governo di minorati o altro. Ma l’opinione che emergeva ogni volta in una conversazione con oriundi italiani era:”Certo oggi in Italia le cose vanno proprio male. Peccato, se fosse vissuto ancora Mussolini, si sarebbe sicuramente stati meglio”. Evidentemente erano persone che la Terra d’origine la ricordava solamente in occasione di grandi spaghettate a Little Italy. Noi, italiani, ebrei, ovviamente saltavamo sulla sedia! Ma non c’era verso. I cari italo americani, che ancora oggi apparentemente hanno diritto di voto nel loro lontano Bel Paese, rimanevano della loro opinione.

Questo episodio mi è riaffiorato nella memoria quando ho ascoltato una recente intervista ad alcuni abitanti di un villaggio druso delle alture del Golan. Questi territori una volta appartenuti alla Siria, sono stati conquistati dallo Stato di Israele nella Guerra dei Sei Giorni del 1967 e successivamente annessi, con conseguente estensione a tutti gli abitanti del Golan della cittadinanza israeliana.

L’intervista riguarda l’attuale guerra civile siriana che in due anni ha oramai fatto quasi centomila vittime. Agli intervistati viene chiesto un parere su quanto sta accadendo in Siria e in particolare su come sta gestendo la situazione il presidente Assad.

In un ebraico fluente, ma con chiare inflessioni arabeggianti, gli intervistati (persone sulla sessantina)  senza alcuna titubanza manifestano il desiderio che Assad prevalga e che il Golan torni sotto sovranità siriana, anche se devono ammettere la situazione tragicomica caratterizzata dalla maggiore sicurezza, tranquillità e pace in cui si trovano attualmente sotto “occupazione israeliana”. Il timore però che emerge è comunque legato al pericolo “islam-radicale” che potrebbe riaffiorare se Assad dovesse cadere.

I ragazzi più giovani, quelli nati dopo il ’67, molto pragmaticamente dichiarano, in un ebraico perfetto, di essere totalmente indifferenti rispetto all’esito della guerra civile.

Italiani in America, siriani in Israele, ma anche italo-corsi in Francia, altoatesini in Italia, italo-istriani in Jugoslavia (o quello che ne rimane). La situazione sembra ripetersi nella storia.

Da una parte mi verrebbe di augurare a tutt​i coloro che disprezzano​ o criticano​ la sovranità dello Stato dove vivono, di far presto ritorno ai loro paesi di origine, malgrado ​quei paesi siano ​governati da dittature ​o distrutti da​ guerre civili; d​all’altra sono sicuro che il passare del tempo e le condizioni di pace e la possibilità di godere di tutti ​i ​diritti garantiti da uno stato libero e democratico faranno sì che le prossime generazioni si sentiranno sempre più israeliane, americane, italiane, iugoslave, francesi ​e non più semplicemente “ospiti” in terra straniera.​

Annunci

Una Risposta a “Siriani in Israele: ospiti in un Paese straniero?”

  1. Ah la nostalgia della terra natìa!
    Mi è venuto da pensare a quei gruppi di gay che chiedono di boicottare Israele ben sapendo che è il paese più gay friendly del mondo e che Tel Aviv è la città più accogliente nei loro riguardi. Mentre in alcuni paesi di quella regione rischiano la pena di morte o comunque vivono emarginati, sanzionati e senza diritti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: