Il diavolo nei dettagli: Sangre y muerte

bruegelQuesta sarà una puntata “della Madonna”, garantito! Artisticamente parlando, la Dormitio ossia la Morte della Vergine Maria è stato uno dei temi più poetici dell’arte medievale e rinascimentale, avvolto di pathos, di delicatezza, con atmosfere sospese tra dolore e fervore religioso.

Adesso non va più di moda, soprattutto da quando, nel 1950, papa Pio XII ha proclamato il dogma dell’Assunzione per cui “subito dopo” la morte Maria sarebbe stata trasportata in cielo anche corporalmente. In passato però, e ancora adesso nelle Chiese est-europee, la madre di Gesù sarebbe regolarmente morta, regolarmente sepolta, e solo in seguito misteriosamente svanita.

Forse la più bella raffigurazione del tema è questa incisione di Pieter Bruegel il Vecchio, attorno al 1565 (pittore che in questo momento è protagonista di una bella mostra a Roma, al Chiostro del Bramante). Colpisce in particolare l’immensa folla presente al capezzale. E soprattutto colpisce lo strano drappo che cala dal baldacchino verso il letto. Sembra un enorme pipistrello. Un vampiro?! Maria di Nazareth come Mina Murray! Solo uno come Bruegel poteva osare tanto, e senza rovinare la poesia della scena.

dhr

Annunci

6 Risposte a “Il diavolo nei dettagli: Sangre y muerte”

  1. E questo sarà un commento “della Madonna”!
    Hai ragione, grande pathos, personaggi che mostrano dolore, sofferenza, turbamento, stupore, ma quel drappo là che ci sta a fare davvero? Cosa lo giustifica?
    OT proprio ieri, in una delle nostre visite guidate, ho visto, guarda caso, un’altra dormitio, quella di Cola d’Amatrice, alla Pinacoteca Capitolina. Insieme a molto altro, ovviamente.

    • In sé, il drappo – come in altri dipinti in cui compaiono letti rinascimentali – raffigura le tendine laterali del baldacchino, “fatte su” per mostrare l’interno. L’impressione è che Bruegel ne abbia approfittato per inserire un dettaglio nascosto. Ad esempio accentuando le “punte” in basso, quasi come orecchie di pipistrello.

      OT che cosa “cola” da una “amatrice”? sempre a quello pensi!

      • > OT che cosa “cola” da una “amatrice”? sempre a quello pensi!

        E poi la maniaca sarei io! Per una volta che non mi era venuto in mente niente di sessuale… L’allievo supera la maestra 😉

    • > proprio ieri, in una delle nostre visite guidate, ho visto, guarda caso, un’altra dormitio, quella di Cola d’Amatrice, alla Pinacoteca Capitolina

      Sarà che sono passate meno di 24 ore, ma anche a me è venuto subito alla mente il quadro visto ieri alla pinacoteca capitolina.
      Però non ci credo che ti sei ricordata chi ne fosse l’autore senza nessun aiutino!!!

      • >non ci credo che ti sei ricordata chi ne fosse l’autore senza nessun aiutino!!!

        E invece, talvolta, accade. Me lo sono visto davanti, mi aveva colpito per il paesaggio di sfondo così semplice e ho fatto anche dei ragionamenti su Amatrice. Non sembra, ma la testa mi lavora eh!

  2. Molto strano e interessante…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: