Strategie innovative nel lavoro… di lavavetri

Per avere successo nel lavoro non bisogna avere paura di cambiare, al contrario è necessario inventare strategie innovative e metterle in pratica operando valutazioni in itinere ed eventuali aggiustamenti.

Lo hanno capito anche i lavavetri ai semafori. In un primo periodo si ponevano con cortesia, chiedendo se c’era bisogno dei loro servigi. Poi hanno tentato di imporsi, soprattutto con le donne: lavavano il parabrezza anche di fronte a rifiuti più o meno manifesti sapendo che qualche cuore tenero avrebbe alla fine comunque lasciato un obolo.

Più recentemente, sempre con le donne, quando queste facevano cenni di protesta, avvicinavano la spatola al vetro e con un angolino della spugnetta tracciavano un cuore di schiuma. Ci sono caduta anche io, ho pensato “che inventiva” e gli ho dato dei soldi a lavoro completato.

Ieri ho assistito a una performance caratterizzata da creatività e malizia. Sentite qua.

La lavavetri era una ragazza di non oltre 20 anni, non una rom trasandata come se ne vedono spesso agli incroci, ma una ragazzetta pulita, sorridente e ben vestita. Indossava dei pantaloni e una maglietta leggera in tinta, non scollata, ma ben aderente, che metteva in evidenza un seno non spropositato, giusto direi, il quale, ovviamente, sfidava la legge di gravità. Poiché non portava giacca né cappotto, il freddo le faceva inturgidire in modo permanente i capezzoli al punto che rischiavano di bucare la maglia. Così parata la ragazza si avvicinava a macchine guidate rigorosamente da uomini e senza aspettare un assenso cominciava a lavare. Finito il lavoro si avvicinava al finestrino, petto in fuori ad altezza d’occhi del guidatore, e aspettava il compenso che regolarmente arrivava accompagnato persino da un sorriso smagliante del maschietto alla guida.

Geniale eh?

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

3 Risposte a “Strategie innovative nel lavoro… di lavavetri”

  1. Si vede che è un nuovo trend. L’altro giorno a ponte Garibaldi c’era una ragazza che lavava i vetri pettinata e vestita in modo accuratissimo: pantaloni attillati, piumino alla moda, e un paio di occhiali da sole da stella di Hollywood. I capelli raccolti, ma sembrava uscita or ora dal parrucchiere.
    Però con il solito modo antipatico e prepotente.

  2. In effetti “quelli” di prima da un po’ di tempo preferiscono adeguarsi alle mode degli indigeni… Poi la cultura del “bunga bunga” aleggia allegramente nell’aere. 😉

    • Dici che gli influssi sono arrivati fino ai semafori? Allora presto potremo vedere, al posto dei lavavetri o dei giocolieri, gruppi di ragazzine che sculettano e muovono le mani credendo di ballare. Magari discinte. Sai le mance!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: