Fermiamo la guerra ai peli pubici?

banksy

Non so voi Ragazze come vi regoliate coi peli pubici, ma Kim Kardashian si sottopone a sedute di laser insieme al partner [bisogna condividere tutto quando si sta insieme], Kate Winslet usa da sempre la ceretta e Jennifer Love Hewitt è solita adornarli con degli Swarovski [a parte la seconda, non ho la più pallida idea di chi siano le altre due, ma ho fiducia in voi, e spero apprezziate questo tocco gossipparo: così facendo acchiapperemo un sacco di visitatrici in più]. C’è chi se ne libera solo quando è in procinto di mettersi in bikini per evitare che facciano ombra fino a metà coscia e chi invece lo fa regolarmente, con l’idea di apparire più attraente agli occhi del partner.

Ora però un medico di famiglia, donna, Emily Gibson, si sta attivando per far cessare questa pratica che, a suo dire, renderebbe le persone più suscettibili a contrarre alcune malattie a trasmissione sessuale. Togliere i peli, afferma la dottoressa, fa irritare e infiammare i follicoli con il rischio che si formino piccole ferite aperte, vesciche o ascessi. “Aree rasate di fresco sono più vulnerabili a eventuali virus portati dalla bocca o dai genitali di partner sessuali”. Secondo lei, le persone dovrebbero capire che i peli pubici hanno uno scopo per cui devono restare là dove sono.

Secondo un rapporto citato da The Independent nel 2011 il mercato delle depilazioni valeva 2,1 miliardi di dollari negli USA e una cifra analoga in Gran Bretagna. Inoltre, le persone che vi si rivolgono sono sempre più giovani: vi sono centri che offrono prestazioni a prezzi dimezzati per ragazze dai 15 anni in giù.

Senza voler demonizzare queste pratiche, aggiungo un’informazione che raramente sento dare: i peli che rispuntano dopo una depilazione possono far rompere i preservativi. Fate attenzione.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

16 Risposte a “Fermiamo la guerra ai peli pubici?”

  1. Mi rendo conto che spesso i miei commenti su questo blog hanno un retrogusto, come dire… un po’ boccaccesco, e forse è un eufemismo. Che sia il karma di questi post? 😉

    In ogni caso, confermo questa mia tendenza riportando qualche notizia dal fronte del porno. Un po’ di mesi fa mi è stato chiesto di scrivere un racconto su un uomo la cui attività sessuale principale consiste nel masturbarsi di fronte a video porno, e io, applicando la mia efficienza ingegneristica anche nella scrittura, mi sono scrupolosamente documentato (quello della pornografia “digitale” è un mondo sconfinato, sul quale, prima o poi, cercherò di scrivere qualcosa di serio). Tornando all’argomento di questo post, vi riferisco, come un inviato in missione, che esiste un genere ben preciso e codificato di video, il cui nome è “hairy pussy”, e che probabilmente si rivolge ai feticisti del pelo pubico, completamente scomparso da tutti gli altri video. Sembrerebbe, comunque, un segmento di nicchia – sgomita con i video dedicati ai piedi e quelli dedicati alle donne con gli occhiali (non fornisco ulteriori dettagli). E sempre per la cronaca, devo riferire che esiste un’ulteriore sottoinsieme di video dedicato ad attrici con le ascelle pelose.

    Che sia tutta colpa della Barbie? 😉

    • Per non parlare del segmento dedicato alle donne super obese! Quello delle donne con gli occhiali invece mi mancava.
      Un giorno dovremo scambiarci le informazioni sull’argomento. Io in verità sono più preparata sulle fantasie messe in atto. Mondi impensabili no?

      • Mondi impensabili, ma che esistono. Nei cessi della stazione di Mestre, in uno spazio di pochi metri quadrati, decine e decine di persone hanno lasciato un messaggio, con la speranza che qualcuno possa soddisfare il proprio particolare desiderio. Uno, vorrebbe essere sculacciato da un uomo di colore, un altro vorrebbe baciare i piedi di un vecchio, un altro ancora… Accompagnavo mio figlio, che allora aveva cinque anni, e intorno a me c’era la rappresentazione dell’inconscio, con il suo tumulto. Quanto tempo ci vuole per arrivare a definire in modo così preciso la propria fantasia? Quante prove andate a vuoto? E quella fantasia scritta su un muro diventa una sorta di impronta digitale che l’animo (o l’anima: chi può dirlo) desidera lasciare…
        ps Sono pronto per il confronto! 🙂

  2. Per fortuna restano le tradizioni popolari a tenere alti i Valori: “Viva u pilu!”

  3. Se per caso capitate a Parigi (o in altro paese francofono) e sentite il bisogno impellente di una ceretta all’inguine, state molto attenti: dovete assolutamente raccomandare all’estetista di non farvi il “ticket de metro”!
    Sapete cos’è? E’ la riduzione dei peli pubici a una striscetta delle dimensioni di un biglietto del metro parigino.
    Vi ricordate com’è fatto? le sue dimensioni? Eccolo qui:

    E’ stata una delle prime cose che ha imparato mia nipote, a Parigi per l’Erasmus!
    Vive la France!!!

    A Roma, invece se dici all’estetista: “bijetto dell’auto”, ti riducono la peluria a una sleppa così:

  4. i peli pubici bucano i preservativi,….???? e che donne hai incontrato? avevano una foresta proprio lì??????

    • Questo rischio, veramente, riguarda ricrescite sia di donne che di uomini. E poi, al di là di chi ho incontrato io, c’è una mole di letteratura sull’argomento. Farci attenzione non costa nulla comunque, no?

      • no certo, però ribadisco che può succedere solo se si hanno dei tronchi e non dei normali peli… la gomma dei preservativi non è così delicata, subiscono notevoli sollecitazioni di prova prima di essere immessi sul mercato, anche se dubito sia prevista la prova “buco da ricrescita peli”

        • Cara/o Sexrider,
          Lascia perdere, che Laura ne sa sempre una più dei camionisti!!! 😉

          Scherzi a parte, si occupa da anni di prevenzione dell’AIDS, non conviene banalizzare quello che dice, ma farne tesoro!

          • io non banalizzo, critico.
            al di là del fatto che è indispensabile usare il preservativo per la propria sicurezza e salute, vorrei proprio conoscere le persone che hanno avuto il preservativo bucato dai peli!!!
            se ne esiste qualcuno per favore mi smentisca e sarò ben disponibile a chiedere scusa e fare ammenda!!!

          • Come giustamente hai detto, prima di immettere i preservativi sul mercato, alcuni pezzi di ogni lotto viene sottoposto a una serie di prove per saggiarne la resistenza anche in condizioni particolari. Ne ho visto gonfiare uno fino a che è diventato mooolto più alto di me 😉 Dunque, quando si rompono in genere si chiama in causa l’errore umano. Tra questi c’è anche lo sfregamento ripetuto sul pelo pubico in ricrescita. Hai presente (se hai presente) quanto la barba di pochi giorni alla lunga irrita le guance in seguito a contatti prolungati?

  5. allora parliamo di dettagli tecnici, sempre tenendo presente che l’uso del preservativo è consigliato sempre e comunque.
    in un rapporto il preservativo di solito si mette prima di entrare in vagina (o nell’ano e qui solo a scopo di prrotezione da malattie sessuali), cioè prima del rapporto completo.
    non mi risulta che in vagina ci siano peli in fase di ricrescita, nè tantomeno nell’ano.
    ora se lo sfregamento avviene , avviene solo con la parte finale del preservativo, cioè quella più vicina al pube.
    a meno che l’uomo non emetta litri di sperma non dovrebbero esserci rischi di gravidanze indesiderate..
    se poi a qualcuno piace passare il pene fasciato nel preservativo sulla vulva o sul pube del proprio compagno depilati e con peli in fase di ricrescita mi rimangio tutto…
    per quanto riguarda l’aids o altre malattie sessuali non è la rottura del preservativo a metterci a rischio, almeno non per microscopici buchi dovuti a peli perforanti… a meno che gli stessi non causino ferite sanguinanti… sbaglio????

    • Brevemente, altrimenti rischiamo di diventare un blog per adulti e non è nelle nostre intenzioni 🙂

      Le indicazioni sono di utilizzare la protezione dall’inizio del rapporto preliminari compresi. Quelli di cui parlavo sono appunto preliminari. E non mi riferivo a gravidanze indesiderate, ma a malattie sessualmente trasmesse, né ai piccoli fori, ma alle volte in cui il preservativo si spacca.

  6. io adoro il pelo pubico…
    la patata senza pelo è insepressiva! pure brutta

  7. sono disgustato dal dilagare della fobia per i peli pubici, né comprendo l’origine di tale nefandezza. Un pube senza peli per me perde l’ 80% del sex appeal. A quando le teste calve ?! mah… donne sempre più plastificate…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: