La minestra di piedi di vitello al Pronto Soccorso

A leggere le riviste scientifiche a volte si fanno delle interessanti scoperte. Io per esempio su British Medical Journal Case Reports ho scoperto che esiste la minestra di piedi di vitello. E mi sono anche un po’ ingolosita.

In un articolo di un gruppo di chirurghi inglesi si racconta il caso di una signora afro-caraibica di 45 anni che si era presentata a un Pronto Soccorso con una forte disfagia, dolori addominali, respiro corto e debolezza generalizzata. Dai primi esami emersero anche una grave anemia e malnutrizione.

La signora, come hanno presto rilevato i sanitari, era un’amante della minestra di piedi di vitello che cucinava lasciando bollire anche i peli e la pelle dell’animale. Che evidentemente rendono il tutto moooolto più saporito. E infatti, attraverso una gastroscopia rinvennero ed estrassero da un’ansa dello stomaco dove si era annidata una palla di peli e pelle assai puzzolente, mista a del cibo d’epoca deteriorato, del peso di ben 2,42 kg!!!

Sconvolge il fatto che la signora già 8 anni prima era stata costretta allo stesso trattamento per la medesima sintomatologia. Ma si sa, una volta che l’hai provata come fai a rinunciare alla minestra di piedi di vitello?

E non pensiate che la signora fosse pazza, lo ha escluso un’indagine psichiatrica che ha anche confermato che aveva ben chiaro il motivo per cui i disturbi si erano ripresentati. La notizia è che la signora avrebbe smesso di mangiare la minestra in questione. Io mi permetto di dubitare: ne riparliamo tra 8 anni.

Il mio intento iniziale era fare un post di Scienza Pacioccona, però qui ci troviamo di fronte a un post di Pazienti Paciocconi. Voi non lo sapete, forse, ma sono più di quanto si possa immaginare. Parola di operatore sanitario.

Se poi le leggendarie Regine della Cucina ALicE e Cy volessero darci la ricetta della minestra di piedi di vitello, peli compresi, regalerebbero un prezioso bonus alle lettrici e ai lettori del blog.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

8 Risposte a “La minestra di piedi di vitello al Pronto Soccorso”

  1. Bellissimo! Stavolta alla colonna sonora ci pensa Radio ALicE: però da casa, che qui non ho accesso a YT!
    A dopo!

  2. Potrebbe essere una valida alternativa per noi allo zampone di maiale per le cene di Canukka!
    Comunque ancora oggi mi ricordo a 6/7 anni alle prese con delle zampe di gallina bollite a casa di un amichetto russo che mi aveva invitato a pranzo. Entrambi eravamo neo-immigrati in Israele nel primi anni ’70.

  3. confesso che non ho alcun desiderio per la minestra di piedi di vitello con annessi…..
    comunque, confermo che ci sono pazienti assolutamente recidivi! e pensate invece com’è meraviglioso il nostro corpo: lo stomaco si trattiene per anni ciò che è assolutamente inopportuno che prosegua!

  4. Ecco qui la colonna sonora giusta giusta per questo post!
    Scusa Lychnus se ti rubo il mestiere per questa volta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: