Sugli Europei persi, i rigori e le decisioni dei politici

Ricordo che ai miei tempi al termine di Tutto il calcio minuto per minuto veniva letto un messaggio pubblicitario che diceva: “Se la squadra del vostro cuore ha vinto brindate con Cynar, se ha perso consolatevi con Cynar”.

Dunque, forza con questo Cynar, purtroppo per la seconda evenienza.

Si è chiuso il capitolo europei con la sconfitta contro la Spagna. Li ricorderemo per il raggiungimento della finale su cui pochi avrebbero scommesso, per una sconfitta senza appello con la Spagna, per le belle partite giocate dai nostri e il rigore di Pirlo contro l’Inghilterra, definito da tutti un capolavoro. È stato un rigore a cucchiaio, che noi ci ostiniamo a chiamare alla Totti, ma che nel mondo è noto come alla Panenka, in riferimento al rigore battuto da quel giocatore ceco dopo i tempi supplementari nella finale degli Europei del 1976 Germania-Cecoslavacchia che diede la vittoria alla sua Cecoslovacchia.

I rigori sono un momento di grande interesse anche per i non appassionati di calcio. C’è la sfida tra due contendenti, un faccia a faccia emozionante e decisivo. C’è il peso della responsabilità che può esaltare, ma anche confondere. E c’è l’interrogativo sul come: come battere un rigore, di forza, con effetto, con un preziosismo o buttando dentro la palla senza troppo pensarci? E d’altro lato, che deve fare il portiere: cercare di distrarre il rigorista, lanciarsi sperando di indovinare il lato giusto, restar fermo al centro della porta?

Forse non tutti sanno che la Scienza si è cimentata anche in questo campo con uno studio realizzato da un gruppo di economisti israeliani e uscito anni fa sulla rivista Journal of Economic Psychology.

Furono analizzati 286 rigori battuti in partite di prima serie in tutto il mondo e sì evidenziò che I portieri ne avevano parato il 33,3% quando erano rimasti fermi al centro della porta, contro il 12,6% parati tuffandosi a destra e il 14,2% tuffandosi a sinistra. Paradossalmente, dunque, sarebbe meglio non far niente che far qualcosa al fine di salvare il risultato.

Eppure, come mostrato da molti studi, i portieri nella grandissima maggioranza dei casi scelgono di tuffarsi. Secondo i ricercatori si tratterebbe di una manifestazione inversa di quel che in psicologia economica è noto come effetto dell’inazione o omission bias. Le persone, cioè, tendono a rammaricarsi maggiormente per un esito negativo che fa seguito a qualcosa che hanno fatto, rispetto a quello che segue la loro inazione. I portieri, al contrario, secondo l’ipotesi degli autori, si dispiacciono di più se il gol viene segnato quando loro sono fermi tra i pali rispetto a quando si sono tuffati. In quest’ultimo caso mostrano a chi li osserva di aver fatto il possibile per evitare il gol. In altre parole ci sarebbe un conflitto tra il fare la cosa giusta (in questo caso rimanere fermi al centro della porta) e prendere la decisione sbagliata ma che li giustificherebbe agli occhi di chi guarda quando l’esito è negativo.

Ed è lo stesso dilemma che probabilmente si pongono i nostri politici quando temono di prendere decisioni giuste ma che potrebbero far perdere loro consensi alle elezioni venture.

Parare un rigore così come salvare il paese dal lastrico e farlo funzionare meglio richiedono processi cognitivi analoghi. Ci avevamo mai pensato?

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

10 Risposte a “Sugli Europei persi, i rigori e le decisioni dei politici”

  1. qualche scienziato – pacioccone o meno – dovrebbe spiegare agli Azzurri la differenza tra il gioco del calcio (cfr. Spagna) e il balletto.

  2. Intanto laura, grazie per la “sompresa” che ci hai fatto con questo instant post sulla partita di ieri.
    Io, dal canto mio, detesto il calcio. Lo detesto da quando era la colonna sonora della mia infanzia: Tutto il calcio minuto per minuto, 90.mo minuto, La domenica sportiva, Domenica sprint… ecc. ecc.
    Detesto il sentirsi tutti allenatori in pectore il lunedì mattina al bar, al mercato o in ufficio.
    Detesto, citando Gaber, che il grido Italia! Italia! c’è solo alle partite.
    Dei campionati europei o mondiali adoro invece la pace che c’è in città nelle due ore della partita: Roma è tutta per me.
    Questo è il motivo per cui ho rigorosamente tifato Italia durante questi europei: per prolungare al massimo questo piacere. E sono contenta, non me ne vogliate, che ieri la Nazionale abbia perso, almeno il mio sonno non è stato disturbato dai caroselli dei tifosi (o improvvisati tali) che anche in questo periodo in cui siamo nella merda fino al collo, non mancano di sprecare benzina (e tempo) strombazzando per le vie della città fino a tardi: Panem et circenses per dirla alla giovenale.

    • >la pace che c’è in città nelle due ore della partita

      “Il rugby è un ottimo modo per tenere una ventina di energumeni lontani dal centro storico.” Oscar Wilde

  3. era lo stock 84. cynar era contro il logorio della vita moderna.

  4. “È stato un rigore a cucchiaio, che noi ci ostiniamo a chiamare alla Totti…”

    Dissento.
    In verità si ostina a chiamarlo così solo una determinata tifoseria, autoreferenziale ed apologetica; i sedicenti “eredi dell’impero”…

    Mi complimento, pertanto, per il riferimento a Panenka.

    Comunque, per rimanere nel clichè della stampa sportiva, è noto che i rigori siano “una lotteria”; vuoi vedere che per le prossime elezioni politiche anzichè la consueta scheda elettorale useremo un gratta e vinci?
    🙂

    • > useremo un gratta e vinci

      E magari ci andrà anche meglio di così. Ma ci vuol poco.

      Oggi niente musica? Io proporrei “La leva calcistica della classe ’68” di De Gregori: un po’ di speranza pensando ai giovani che verranno. Che ne dici?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: