Lanciatori di pietre

Sono alcuni giorni che ripenso a un servizio fotografico che ho visto sul sito di Repubblica. Lo ha realizzato il fotografo dell’agenzia Ap Oded Balilty. Ha scelto per soggetti alcuni giovani palestinesi del villaggio Bil’in, vicino Ramallah, secondo la didascalia sono dei lanciatori di pietre, contro gli Israeliani ovviamente. Mi pesa usare questo avverbio, vorrei vivessimo in un mondo dove certe cose non fossero affatto ovvie.

C’è qualcosa in queste fotografie che non mi convince, che non mi piace. Nei giorni passati non mi riusciva di capirlo. Di sicuro le parole del testo esplicativo di Repubblica, che parlano di “una serie di scatti per raccontare il coraggio di cittadini, uomini e donne palestinesi che, sin da bambini, imparano a difendere il loro Paese dagli attacchi degli israeliani contro gli abitanti dei campi”. È una frase che pretende di spiegare in tre righe una situazione che va avanti da anni, di mettere un punto tra quel che è causa e quel che è effetto, quando si sa che il rapporto causa/effetto è circolare e non è facile né corretto liquidare tutto in questo modo.

Ma sono le fotografie in sé a infastidirmi. Dei ragazzi fatti mettere in posa come modelli, in uno studio, sono diventati dei corpi in mostra, oggettificati e venduti che tradiscono la propria causa per sostenere cause altrui, pubblicitarie, dunque di profitto, come testimoniano i nomi degli sponsor bene in vista su di loro. Usati loro e la loro causa, dunque.

Ma si sa, pecunia non olet. In questo modo avranno la possibilità di procurarsi un altro po’ di qassam, quei magnifici ed efficaci razzi con cui fare il tiro a segno contro i villaggi israeliani poco lontano. Che funzionano molto meglio delle pietre. Tuttavia, se non usati con la dovuta perizia, si ritorcono contro chi li lancia o contro bambini palestinesi innocenti come la piccola Hadil al-Haddad, 2 anni, rimasta uccisa da un razzo “amico”. Ovviamente, ancora ovviamente, ahimé, l’Autorità Palestinese ne ha attribuito la responsabilità a un attacco israeliano, ma il giornalista Donnison della BBC ha ricostruito l’accaduto e lo ha diffuso su twitter. Qui potete leggere i suoi tweet. Per dovere di cronaca.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

3 Risposte a “Lanciatori di pietre”

  1. Ma Sandro Viola non era morto?

  2. “Una serie di scatti per raccontare il coraggio di cittadini, uomini e donne palestinesi che, sin da bambini, imparano a difendere il loro Paese dagli attacchi degli israeliani contro gli abitanti dei campi”. Come forse sai, considero in modo abbastanza “dialettico” lo scontro tra israeliani e palestinesi – ritengo che ci siano responsabilità, anche gravi, da entrambe le parti. Questo servizio di Repubblica, però, è terribile da tutti i punti di vista: trasforma la tragedia di un conflitto in qualcosa che assomiglia a un servizio di Vogue. E’ la mercificazione, in malafede, di un problema terribile. Non credo che iniziative come queste facciano bene né alla causa palestinese, né a una qualsiasi possibilità di trovare una soluzione pacifica (ammesso che prima o poi ci si riesca) alla guerra tra Israele e Palestina…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: