Compleanno letale

ill. di dhr

Anche quest’anno, senza saperlo, l’ho scampata bella: qualche giorno fa è stato il mio compleanno e oggi sono ancora qui con voi. Non è un delirio da afa africana, ma una riflessione alla luce di importanti acquisizioni di Scienza Pacioccona.

Un gruppo di Scienziati svizzeri ha analizzato 2.400.000 morti nell’arco di 40 anni e ha evidenziato che il rischio di morire nel giorno del proprio compleanno sarebbe del 14% più elevato rispetto a qualunque altro giorno dell’anno. Nell’articolo pubblicato su Annals of Epidemiology emerge anche che il rischio cresce con l’età e raggiunge il 18% per gli ultrasessantenni. Le cause di morte sono malattie cardiovascolari, infarti, tumori, cadute e suicidi, questi ultimi solo per gli uomini.

Secondo gli Autori, la responsabilità di questo fenomeno è da ricercare nello stress associato al giorno del compleanno; anche i ricoveri per malattie cardiovascolari, infatti, si verificano più frequentemente nel giorno in cui si compiono gli anni. Invece, nel caso in cui la causa di morte è il cancro, l’ipotesi degli Scienziati è che le persone malate tenderebbero a “tenere duro” per arrivare alla loro festa. Mentre, se la causa è il suicidio maschile, la spiegazione fa riferimento alla maggior quantità di alcool che gli uomini trangugerebbero nel giorno del loro compleanno o anche al desiderio di affermare la propria infelicità nel giorno in cui molte persone faranno più attenzione a loro. Le donne invece si asterrebbero dall’uccidersi in quel giorno, sempre secondo gli Scienziati Paciocconi, poiché riterrebbero che non sia gentile costringere coloro che le vogliono festeggiare ad affrontare il loro suicidio.

Che finezza di analisi psicologica eh?

L’illustrazione che correda questo post, come altre in precedenza, è stata realizzata dal nostro amico dhr apposta per l’occasione. Grazie diaccae’!

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

18 Risposte a “Compleanno letale”

  1. ME-RA-VI-GLIO-SO!!!!
    Questi scienziati paciocconi, ma che dico paciocconi? Zuzzurelloni, sono una fonte inesauribile di minchiate!
    Il giorno del mio quattordicesimo compleanno mi sono venute le mie prime mestruazioni.
    Significherà qualcosa?

  2. Ecco perché finora l’ho sfangata…!? I miei compleanni sono passati quasi tutti nella tranquillità più assoluta. Tranne quello del 2002 quando nello stesso ristorante dove avevo festeggiato, sempre con pochissimi intimi, nel 2001 il mio 55°, mi sono ritrovato la ricevuta con tutti i prezzi in euro praticamente raddoppiati rispetto alla liretta… colpa della “vitale”, vivace e giovane moneta?! 😦

  3. Il giorno del mio compleanno (21 febbraio)… è morto Baruch Spinoza 😦

  4. e pensare che nella tradizione ebraica il nascere e morire nello stesso giorno del calendario è considerato un segno di distinzione che tocca ai giusti e ai saggi. mosè, per esempio, è nato e morto lo stesso giorno. ma se vogliamo filosofeggiare possiamo dire, non senza retorica, che si nasce e muore ogni giorno.


    lei invece cantava “si muore un po’ per poter vivere”.

  5. Diaccaerre,
    questa tua illustrazione è geniale!
    Bravo bravo!
    E grazie come sempre!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: