Parate in tempo di crisi

C’è un’espressione che adoravo durante i miei studi di legge, ed è “diligenza del buon padre di famiglia”. Nell’adempimento dei propri obblighi, ciascuno di noi deve tenere un comportamento corretto, e per esprimere al meglio questo concetto si usa la similitudine con il “buon padre di famiglia”.

Evidentemente nell’immaginario collettivo, il padre di famiglia è una persona diligente, avveduta, saggia e accorta.

E noi (parlo almeno per chi scrive e, immagino, anche per chi legge) tutti i giorni cerchiamo, anche senza saperlo, di aderire a questo modello. Lo facciamo soprattutto in questo periodo di vacche magre, in cui per far quadrare i conti facciamo i salti mortali. A volte ci riusciamo, a volte no. Ma almeno possiamo dire di averci provato. In modo avveduto, diligente, saggio e accorto. Con la diligenza del buon padre di famiglia, appunto.

Proprio come dovrebbero fare i nostri governanti.

Cosa succede se il buon padre di famiglia è sommerso dai debiti, non riesce ad arrivare alla fine del mese e rischia il fallimento? Taglia il superfluo: riduce la paghetta dei bambini; cambia il modo di far la spesa e di mangiare: pasta e patate per primo; pollo e tacchino invece della vitella. E la comunione del piccolo Antonio? Evita festeggiamenti in pompa magna e opta invece per una festa più familiare.

I nostri governanti invece che fanno in tempi di crisi? Sembra che si siano limitati a tagliare le nostre buste-paghette.

Non solo. Visto che la crisi economica da sola non bastava, ad aggravare la nostra situazione ci si è messo anche il terremoto che da giorni devasta il centro nord seminando, come si suol dire, morte e distruzione.

Ebbene, nonostante tutto questo la metaforica comunione del piccolo Antonio i nostri governanti decidono comunque di festeggiarla in grande stile. Infatti si svolgerà come se niente fosse la tradizionale parata del 2 giugno per la Festa delle Repubblica. Già in tempi di crisi, penso che gli italiani ci avrebbero rinunciato volentieri. Soprattutto ora, che servono ancora più fondi per aiutare gli abitanti delle zone terremotate, la consideriamo quasi un oltraggio. Uno schiaffo alla miseria.

Speravo che i nostri governanti tecnici, al contrario dei loro predecessori non ci avrebbero fatto rimpiangere i politici della prima Repubblica. Mi sbagliavo.

Nel 1976 l’allora ministro della difesa Arnaldo Forlani annullò la parata del 2 giugno a causa del terremoto del Friuli. Preferì infatti destinare tutte le risorse disponibili (anche militari) per aiutare le popolazioni colpite dal sisma.

Mai avrei creduto di poter citare Forlani come Esempio.

Nel nostro piccolo boicottiamo la parata dei Fori Imperiali, e invitiamo i romani e gli italiani a non parteciparvi per protesta.

Annunci

13 Risposte a “Parate in tempo di crisi”

  1. Sicuro che non ci vado. Solo su una cosa non sono d’accordo, che si tratti della festa del piccolo Antonio: qui sono i genitori che fanno festa dopo aver tagliato i fondi per la comunione del figlio. E anche per la sua scuola e per le sue cure.

    Alla faccia del buon padre di famiglia! 👿

  2. C’è chi le parate le vuol fare a tutti i costi e chi accetta di non farle dietro lauto esborso di denaro 😉

  3. Comunque i soldi, a pochi giorni dal 2 giugno, sono già andati, almeno sulla carta, verso i fornitori di servizi e materiali… Il dilemma, semmai, credo fosse se mantenere la celebrazione più come fatto simbolico in un clima di generale e sempre più pernicioso revisionismo che non vede uguali in europa ed oltre oceano dove il “tacchino” non manca mai, e se non ricordo male, neanche dopo il fatto le torri gemelle…Non lo so. :-O

  4. Ciao,
    in merito alla parata io avrei un suggerimento:
    farei ripassare la costituzione al nostro presidente (e a quelli a cui piace giocare con i soldatini), Art.1 L’ITALIA è una repubblica fondata sul lavoro.
    Quindi per festeggiare la Repubblica secondo me dovrebbero sfilare i lavoratori (in questi tempi ben pochi) e non i militari e tutto quello che ci propinano da anni (salvo un breve periodo di interruzione).
    Perchè festeggiare una repubblica deve essere uguale a mettere in mostra il nostro armamento bellico (anche se ce lo propinano come mostra di tutte le forze coivolte nelle missioni di pace, nelle ricostruzioni, fino ad arrivare ai folkloristci brsaglieri)?
    Ciao
    Antonella

    • Ciao Antonella!
      Qui sfondi una porta spalancata! Non solo hai ragione, ma anzi, rilancio!
      Il 2 giugno dovrebbe sfilare una speciale categoria di lavoratori (la maggioranza), che più che altro sono schiavi del terzo millennio: i precari e i lavoratori al nero!

  5. per fare una parata come si deve si poteva chiamare Buffon… ma ormai lui quoque…

  6. da un post di facebook di ieri 2 giugno:”Calcio, l’Italia perde 3-0 con la Russia. Il portiere deve avere preso troppo alla lettera il nostro NO alla parata.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: