Steve McCurry al Macro

E’ in corso in questi giorni al Macro di Testaccio  (fino al 29 aprile) un’interessante mostra fotografica; si tratta di una rassegna dedicata a Steve McCurry, noto ai più per la foto della ragazza afghana pubblicata nel 1985 sulla copertina del National Geographic e diventata icona del conflitto afghano nel mondo. Steve McCurry si è sempre spinto in prima linea pur di testimoniare gli effetti e le conseguenze dei conflitti in tutto il mondo. La mostra è davvero notevole, l’allestimento ha un suo senso, come spiega Fabio Novembre, curatore della mostra: “mentre la nostra idea di casa assomiglia sempre più ad arroganti dichiarazioni di potere ben salde sulla terra che occupano, […], le case nelle sue opere sono precarie, come le vite di chi le abita, simili a strutture cellulari mobili. Ed è esattamente questa suggestione che ho cercato di riportare all’interno dei grandi spazi del Macro, un allestimento come un villaggio nomade […]”. In effetti l’esposizione è originale, però poco funzionale: io ho  trovato una certa difficoltà ad associare la foto alla didascalia. Ma, tornando alle fotografie, sono una più bella dell’altra, e per questo non vi voglio anticipare nulla, vanno viste sul posto. C’è però una cosa che mi ha infastidito: la maggior parte delle foto sono scattate in oriente, India, Cina, Birmania, Tailandia, con scene di vita, personaggi, paesaggi; molte altre riportano scene di guerra, violenza, povertà dal Pakistan, Afghanistan, Kuwait. Poi di tanto in tanto ce ne sono alcune scattate in Italia: i soggetti ritratti sono tutti a sfondo religioso: processioni, flagellazioni, croci bruciate, come se in Italia non ci fosse niente di più rappresentativo. Ho raccolto alcune di queste immagini nella seguente galleria fotografica.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Informazioni su Cynthia

Gli specchi farebbero bene a riflettere prima di rimandarci la nostra immagine

Una Risposta a “Steve McCurry al Macro”

  1. Ho letto di questa mostra sulla rivista cartacea e mi sarebbe piaciuto andare a vederla…peccato sia a Roma! Per quanto riguarda l’Italia, certo se il panorama mistico religioso è l’unico che ha incontrato l’attenzione di McCurry non ne usciamo proprio benissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: