Due film: “Da grande” vs “Big”

Ora che i nostri figli sono grandicelli e hanno smesso di guardare solo cartoni, ci piace ogni tanto la sera vedere un film insieme a loro.

Non vi parlerò quindi di novità cinematografiche, ma di due vecchi film che per caso abbiamo trovato in uno degli ultimi video-noleggio del nostro quartiere. Si tratta di due film simili, il primo italiano, il secondo americano e, nonostante la produzione americana non abbia mai ammesso che si sia trattato di un remake, l’idea che ce ne siamo fatti è proprio quella. Il primo film è DA GRANDE (1987), di Franco Amurri, con Renato Pozzetto, Ottavia Piccolo e Giulia Boschi. Il secondo è BIG (1988) di Penny Marshall con un giovane e formidabile Tom Hanks.

In entrambe le versioni il piccolo protagonista, stufo di essere un bambino sogna di diventare in fretta un adulto. Incredibilmente il suo sogno si avvera ed entrambi si ritrovano improvvisamente cresciuti, ognuno nel proprio film.

Ovviamente le situazioni divertenti generate da dei bambini in un corpo da adulti le potete immaginare da soli. In entrambi i casi gli attori sono stati davvero bravi, specie considerando che si tratta di ruoli che in mani di attori non così capaci avrebbero potuto facilmente far scadere il film nel grottesco e nel ridicolo.

Le espressioni di Tom Hanks tra l’esaltato e l’incredulo per i “poteri” acquistati da adulto, nonostante la nostalgia di fondo per la famiglia, da sole valgono il film: un’alternanza di emozioni resa in modo impeccabile dall’attore statunitense (non che ci fossero dubbi in verità sulle sue doti!).

Anche Pozzetto, nel suo personaggio decisamente più infantile e bambinesco rispetto all’omologo americano, pur non essendo tra i miei attori preferiti, se l’è cavata davvero bene.

Più di tutto però mi ha colpito la differenza tra la storia americana, nella quale il piccolo adulto viene assunto fortunosamente in una fabbrica di giocattoli e al suo interno fa una carriera fulminante (d’altra parte chi meglio di un bambino può dare il suo contributo a una simile azienda?).

In pratica si realizza in questo film il cosiddetto Sogno Americano: un paese in grado di dare opportunità vere ai cittadini che hanno voglia di impegnarsi (qualcuno ha mai pensato di vendere l’Italia agli americani?).
Nel film di Amurri invece Pozzetto, riesce, come un vero piccolo precario italiano in erba, (e la differenza di punto di vista tra i due registi di per sé è già esemplare!) a guadagnarsi il pane facendo il baby sitter (ovviamente spassosissimo nel suo caso). Ma (e questa è una piccola chicca) indovinate di chi? Di Ilary Blasi, in questo caso bambina davvero!

Differenze a parte, due serate piacevoli sia per i bambini che per me. (Il Marito? Lui non fa statistica: dopo i primi 10 minuti cade in un sonno narcolettico!)

Annunci

4 Risposte a “Due film: “Da grande” vs “Big””

  1. “Big” era proprio un film carino!
    Io direi che le differenti prospettive, cioè quello che verrebbe in mente di scrivere a uno script-writer, sono la logica conseguenza di quanto ci si aspetta da se stessi e dalla gente nei due diversi paesi…il che segue quanto si può mediamente fare a causa dell’ambiente…il che è determinato dalla cultura dominante…e cosí via…
    Ma non te la prendere col marito che s’abbiocca alla prima oportunità e crolla guardando il film: lo sai che voi femmine siete molto più resistenti (non ho detto forti, ho detto resistenti) e lui invece crolla… 😉

  2. di “Big”, che però non ho visto, a distanza di decenni ricordo ancora la scenetta di un trailer:

    (Un collega di lavoro di Hanks, indicandogli una collega) – La vedi quella? Quella è una che ti fa gridare pietà, quando ti stringe tra le cosce.

    (Lui) – Allora le sto alla larga!

  3. Brava ALICE! Mi hai dato un buon suggerimento di cosa far vedere a 8 bambini di 9 anni sabato sera (ho avuto la splendida idea di un pigiama party).
    Peccato che siano due film introvabili nelle videoteche.
    Pensando ai vecchi film del passato se vuoi un’altra idea carina, mi ricordo che mi era piaciuto molto ‘Tre uomini e una culla’ (la versione francese se non sbaglio ere stata molto più divertente della versione americana ‘Tre scapoli e un bebè’).
    Se ti viene qualche altra idea pubblicala!! Ci sono dei vecchi film bellissimi di cui non ricordo assolutamente il titolo e che non trasmettono più in televisione.

  4. Io sapevo che che tra le due pellicole non esistono collegamenti diretti, ma su un forum un utente ha detto che gli sceneggiatori non hanno nascosto di aver preso ispirazione dal film italico! Prima volta che lo leggo visto su altre fonti che ho consultato non è citato questo e non mi sembra nei titoli di testa della pellicola statunitense. Non ho fatto caso se in quelli di coda si. Comunque a me sembra strano visto che ho consultato articoli dell’ epoca de “La stampa” di cui uno che titola più o meno: “Strano, è un film nuovo, ma l’ ha già fatto Pozzetto” dove non si dfa cenno di ciò e anche nell’ intervista alla regista lei non ne parla. Boh! Poi il film di Amurri uscì a dicembre 87 mentre quello della Marshall il 3 giugno! Remake a tempo di record insomma! °_O
    Comunque in generale preferisco “Da grande” anche se rivedendolo di recente “Big” l’ ho apprezzato di più dlel’ ultima volta che l’ ho visto, più o meno 10 anni fa se non sbaglio. Certo, il finale di quest’ ultimo, con tutto il rispetto, secondo me è superiore a quello della pellicola nostrana.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: