DRAGON BALL A LUCI… SPENTE!

Eh si! Perché si vede che in fondo, nonostante i numerosi commenti ricevuti (sul blog e su You tube) che dissentivano rispetto a quanto scrivevo su Dragon Ball a luci rosse, oggi finalmente abbiamo dimostrato che ALicE aveva ragione!!!!!

Già, infatti gli esimi esponenti del team di YouTube si sono decisi a oscurare il video che ho pubblicato per l’articolo in questione! Era ora!

E non si sono limitati solo ad avvalorare la mia tesi secondo la quale il cartone animato in questione ha dei contenuti inadatti ai bambini! No! Hanno fatto di più! Hanno deciso che i contenuti di Dragon Ball sono inadatti a chiunque e hanno bloccato il mio video!

Infatti ieri con estrema solerzia il team di YouTube mi ha inviato una email con la quale mi informavano che il mio video DRAGON BALL A LUCI ROSSE è stato segnalato come non appropriato e, a seguito di tale segnalazione, è stato esaminato in base alle norme della community. Dall’esame pare sia emerso che il video in questione presenta contenuti che violano le norme in questione e pertanto è stato disattivato! Evviva!

Sono davvero rincuorata dal fatto che siamo in mani così attente, e che al contrario di quanto accade con la TV, su YouTube i nostri bambini possono navigare senza timore di incappare in video così sconvenienti!

Solo una piccola notazione: Sull’avviso che ho trovato all’accesso del mio canale Youtube (cliccare per ingrandire) c’è scritto che

“YouTube non consente la pubblicazione di contenuti di nudità, pornografici o sessualmente provocanti. YouTube fa delle eccezioni per gli adeguati contesti educativi, documentaristici, artistici e scientifici, ma soltanto nei casi in cui lo scopo della pubblicazione sia chiaro e l’eventuale nudità presente non sia di natura sessuale.”

Alla luce di quanto scritto sopra, mi domando se per caso non fosse chiaro il mio intento di mettere in guardia i genitori dal mostrare ai propri figli film come quello segnalato, specie senza la loro presenza. Anche perché al video era allegata anche la spiegazione dell’obiettivo che mi proponevo… (fermo restando che la nudità della protagonista del cartone era davvero solo intuita).

E infine: l’unico modo per accedere al mio canale YouTube è solo quello di cliccare sul tasto “Approvo” posto alla fine dell’avviso. E io, invece, non approvo per niente!

Naturalmente mettersi in contatto con qualcuno del team di YouTube per contestare la loro censura è solo una pia illusione. Qualcuno ha suggerimenti da darmi per oppormi a questa decisione?

Annotazione del 29 ottobre: ho provato ad appellarmi alla decisione di YouTube spiegando loro che il mio intento era quello di avvisare i genitori della mancata segnalazione che nel cartone c’erano contenuti non proprio adatti ai bambini piccoli, ma niente da fare: sono rimasti sulle loro posizioni e sul mio account è segnalato che “non ho una buona reputazione” [ma vi rendete conto?].

Nel frattempo il video è di nuovo on line su un altra community un po’ meno bacchettona!

Ma la cosa più bella è che il mio divertimento di questo periodo è andare a scovare (lavoro assolutamente non difficile, seppure noioso) i video porno su YouTube e segnalarli come inappropriati all’integerrimo team.

Annunci

13 Risposte a “DRAGON BALL A LUCI… SPENTE!”

  1. tutto ciò “dimostra” poco ai fini della decenza di Dragon Ball.
    a me, tempo fa, il sito Imageshack (una specie di YouTube per immagini fisse) censurò un’illustrazione dantesca perché si vedeva un seno femminile.
    inviai una vibrata protesta agli amministratori, con un messaggio dal titolo “Are you crazy?!” ma, chissà perché, non risposero…

  2. E certo che dimostra poco. Anzi dimostra la piccolezza di vedute degli amministratori del sito.
    Che come fossero dei “veri” amministratori di Aziende, si guardano bene dal confrontarsi con “la base”!

    E’ però, ammetterai, un’ironia della sorte: tutto il vespaio di polemiche che si era creato su YouTube (non solo sul blog) che dava addosso a me come fossi una censora… sempre ammesso che si dica così!

    • no, il problema – come è emerso da un migliaio di risposte al tuo post – non è che tu sei la Sora Cen, ma che gli anime giapponesi non sono necessariamente prodotti per bambini. quindi il guaio non è che esistano quei prodotti, ma che vengano destinati (in Italia) al pubblico sbagliato.

      senza contare che i bambini sono bombardati da messaggi ad alto contenuto erotico anche in prima serata; ormai si fa riferimento al sesso anche per pubblicizzare le scatolette di tonno. quindi eviterei di demonizzare i cartoni animati giapponesi come se fossero ‘loro’ a ‘rovinare la gioventù’.

      • Aaaarghhhh!
        Ma nemmeno tu mi hai capito????
        😦

        Chissenefrega di demonizzare i cartoni giapponesi!
        Il mio intento era proprio quello di richiedere che prodotti non adatti ai bambini venissero NON CENSURATI ma SEGNALATI!

        Poi i genitori, che si comportino come caspita pare a loro: che continuino a far vedere ai loro figli l’isola dei famosi, il grande fratello, la pubblicità del tonno o il TG1!

      • se è così, approvo.

  3. >Il mio intento era proprio quello di richiedere che prodotti non adatti ai bambini venissero NON CENSURATI ma SEGNALATI!

    Una buona azione non resta mai impunita (Billy Wilder).

  4. Ho passato l’ultima mezz’ora a smanettare su YouTube per cercare video porno. Se qualcuno sta controllando le mie navigazioni mi avrà preso per una maniaca sessuale compulsiva. Sono partita da Dragon Ball perché ricordavo che ce ne erano tanti, soprattutto in spagnolo.
    Poi mi sono ritrovata, proprio io, che trovo noiosissimi i film hard, a vedere video con titoli inequivocabili e immagini oserei dire scontate!
    E allora, a maggior ragione, continuo a non spiegarmi i motivi per cui hanno censurato proprio il mio video e a chiedermi come posso comunicare co ‘sti bacchettoni!

  5. Non ho capito se hai già scritto. Sicuramente hai già provato, ma ti posto di seguito 3 indirizzi utili:

    service@youtube.com

    support@youtube.com

    http://www.google.com/support/youtube/bin/request.py?contact_type=abuseexpand

  6. Se vi va di leggerlo, c’è un aggiornamento in coda al post!

  7. “Una buona azione non resta mai impunita”: questa te la rubo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: