Cappellai matti. Una mostra li celebra a Manhattan

Ho ricordi vaghi di quando, da bambina, andavo a matrimoni in cui le donne portavano con disinvoltura cappelli anche importanti ed estrosi che ai miei occhi le facevano sembrare dive di Hollywood. Nonna Lauretta come Greta Garbo. Eppure era così. I cappelli le rendevano eleganti, davano loro un tono e facevano emergere una femminilità altrimenti insospettata. Oggi sono poche le donne che li portano d’abitudine e nel nostro immaginario i cappelli sono ormai diventati solo ciliegie sull’abbigliamento di personaggi famosi o famosetti in occasioni speciali.

Ai tempi di mia madre chi realizzava cappelli era la modista, un’artigiana creativa che spesso era la protagonista di romanzi d’appendice, oggi chi li crea viene spesso considerato un artista. Non stupisce dunque che a Manhattan, presso il Bard Graduate Center, sia stata recentemente  inaugurata la mostra “Hats: An anthology by Stephen Jones” curata proprio da quest’ultimo.

Jones è un cappellaio in Londra dai primi anni Ottanta, ha disegnato modelli per numerose personalità, da Boy George alla principessa Diana, e ha collaborato con case di moda quali Balenciaga, Christian Dior, Marc Jacobs e Jean Paul Gaultier.

Sono esposti oltre 300 cappelli, 80 dei quali creazioni di Jones, che offrono ai visitatori una panoramica ad ampio raggio di come questo accessorio è stato interpretato nel tempo. Si va da una maschera egiziana di Anubis del 600 a.C. alle creazioni di Balenciaga degli anni Cinquanta. A questi si aggiungono i cappelli disegnati da Jones e dai suoi contemporanei.

Ci sono “pezzi” strabilianti, eleganti, eccessivi, estrosi, decisamente strani, ma sono tutti delle vere e proprie opere d’arte.

Guardate coi vostri occhi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

5 Risposte a “Cappellai matti. Una mostra li celebra a Manhattan”

  1. Un appassionato di fantascienza si trova sempre “in ritardo” rispetto alla realtà. Ce ne sono di strabilianti e/o bellissimi.

    Almeno DUE però sono plagi da Salvador Dalí (spero che il catalogo ufficiale della mostra gli renda doveroso omaggio).
    Il cappello a forma di scarpa è tale-quale a quello da lui progettato e realizzato negli anni ’40, quando in America si occupava anche di moda e design.
    Anche il cappello con quella specie di obelisco e pavimento a quadretti deriva da lui, sebbene non da un cappello ma da un articolo di oreficeria.

  2. Un delizioso parallelo è “Il libro delle pipe” scritto negli anni ’30 da Dino Buzzati e dal cognato Eppe Ramazzotti, parodiando lo stile della saggistica specialistica dell’Ottocento. Ecco un esempio:

  3. cappelli bellissimi, strabilianti, alcuni li porterei mooolto volentieri!

    in effetti il cappello esprime un tocco di personalità in più; io lo indosso sempre, ne ho alcuni carini, adoro il Borsalino!

    anch’io sono rimasta colpita dalla scarpa, dalla tazzina da caffè, ma ci voleva dhr per ricordarmi Dalì!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: