Mestruazioni per tutti

L’arte contemporanea mi incuriosisce, mi affascina e a volte mi entusiasma, pur se non sempre la capisco. Quello della giovane nippo-britannica Sputniko! è uno dei casi in cui mi lascia perplessa addirittura l’attribuzione del titolo di artista, figuriamoci l’opera.

Ella si chiede perché le donne continuano ad avere le mestruazioni e perché solo loro devono ogni mese provare fastidi, dolori, crampi. Per porre rimedio a quella che ritiene essere un ingiustizia biologica ha creato la Menstruation Machine, un meccanismo che attraverso il lento rilascio di una sostanza rossa e soprattutto l’applicazione di elettrodi al basso ventre che ne stimolano i muscoli, simula  il dolore e le perdite tipiche delle mestruazioni.

Sputniko! ha anche realizzato un video musicale in cui si mostra un ragazzo che costruisce la macchina nel tentativo di diventare una donna non solo esteticamente, ma anche biologicamente e quindi soddisfare il suo desiderio di comprendere cosa significa veramente essere una donna. Ma nel momento in cui gli iniziano le mestruazioni, il poveretto mostra prima un’espressione sorpresa e poi si accascia per il dolore.

E questo non stupisce noi ragazze. Sarà pure un luogo comune, ma se gli uomini divessero sopportare ogni mese per tanti anni tutto quello che le mestruazioni comportano, siate pur certi che avrebbero rapidamente trovato una soluzione per riuscire a evitarle.

L’opera è inserita nell’esposizione “Talk to Me” al Museo di Arte Moderna (MoMA) di New York di cui si parlava in un post recente. Se qualche  maschietto avesse voglia, può chieder lì di indossare la Menstruation Machine e avrà così l’opportunità di fare una magnifica esperienza.

Questo è il video.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

7 Risposte a “Mestruazioni per tutti”

  1. Quando arriverà l’artista che consentirà alle donne l’ebbrezza di russare sonoramente ogni notte?

    • Ce n’è, ce n’è. Mia nonna veniva svegliata dal proprio russare.
      A rivederla ora, la foto del post fa un po’ schifo, no?

    • Non ti auguro di dormire con la mia Amica Miriam!!!
      Una volta eravamo alle terme. La prima notte: completamente in bianco (l’ho anche registrata!). Chiedo alle Ragazze che ci stavano raggiungendo se per favore potevano comprarmi dei tappi per le orecchie.
      Ero rasserenata all’idea che finalmente sarei riuscita a chiudere occhio. Il rasserenamento è sparito improvvisamente, e al suo posto è subentrata una profonda angoscia quando ho visto i tappi che mi aveva comprato Stefy…
      erano tappi auricolari… da piscina!!!!!

  2. bisogna simulare anche il malumore e l’irritabilità che, mi dicono, sopraggiungono in prossimità dell’evento mensile?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: