Cenere alla cenere?

Sono sicura che il post di oggi verrà letto dagli amici maschietti con una mano nascosta nella tasca dei pantaloni. Le amiche femminucce troveranno gesti o riti apotropaici di altra natura.

Ma non potevo esimermi dal commentare questa nuova pubblicità che vedo più volte durante il tragitto casa-ufficio.

Normalmente le imprese di pompe funebri si limitano a scrivere sui cartelloni pubblicitari  il loro numero di telefono a caratteri cubitali. (Poi, ci avete fatto caso? si tratta sempre numeri facili da memorizzare: mi sono sempre chiesta fin da piccola, come facevano a farsi attribuire dalla SIP queste numerazioni così semplici. Nella mia testa di bambina già prendeva forma il concetto di mazzetta).

Questi della Taffo, invece hanno fatto cadere un tabù e  si sono affidati a pubblicitari insolitamente creativi, almeno dato il tema affrontato, quello della cremazione. Questi cartelloni invitano la clientela ad affidarsi alla Taffo per pretendere la cremazione certificata. Per rafforzare il concetto hanno usato la fotografia di un urna cineraria adagiata in terra dalla quale fuoriesce della sabbia con un granchietto e una conchiglia. Questo a monito dei rischi che si possono correre affidandosi ad aziende disoneste che chissà cosa restituiscono ai parenti del Caro Estinto!

Bravi e coraggiosi sia i pubblicitari della agenzia Peyote che la  Taffo che si è affidata a loro. Io, comunque, che in fondo in fondo un po’ scrupolosa sono, una toccatina alle ovaie per sicurezza me la do!

Annunci

4 Risposte a “Cenere alla cenere?”

  1. Non sapevo che qui riuscissero a fottersi anche le ceneri del caro estinto.
    Complimenti per il forbito “apotropaico”. Son dovuto andare a vedere che cosa volesse dire in una delle mie “bibbie linguistiche” online dove tra l’altro, aggratis, c’è uno dei migliori vocabolari IT-EN-IT…

  2. Il sito era http://garzantilinguistica.sapere.it/ prima era sparito dal post… ;-(

  3. Le cose più strane le trovi tutte te! Sto cominciando a pensare che hai degli amici buontemponi che creano delle pubblicità fittizie con cui tappezzano le strade tra casa e ufficio. Altrimenti non si spiega!

  4. “Mio nonno era un duro. Sulla lapide della tomba fece incidere: CAZZO GUARDI?!”

    ___Mario Zucca, “Drive In”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: