HIV e altre malattie a trasmissione sessuale: la campagna di Gay Help Line

Sono sempre molto felice di fronte a campagne di prevenzione sull’infezione da HIV, ormai sempre più rare. Ho visto e continuo a vedere così tante persone infettarsi e assisto alle difficoltà che incontrano nell’imparare a convivere col virus che non mi capacito del silenzio piombato su questa malattia, ovviamente se si escludono le chiacchiere per il giorno mondiale dell’AIDS o per qualche anniversario, come il recente trentennale dal primo caso di AIDS. Che non sono certo prevenzione.

Ancora maggiore è la mia soddisfazione quando si tratta di campagne ben progettate e realizzate, che hanno per oggetto non solo HIV, ma anche altre malattie a trasmissione sessuale come epatite e sifilide, e che utilizzano un testimonial verosimilmente popolare tra i giovani come Mara Maionchi tra i protagonisti di X Factor.

Sto parlando della campagna targata Gay Help Line 800.713.713 e finanziata dalla Regione Lazio. I manifesti si cominciano a vedere in giro solo da poco, ma lo spot è andato in onda su MTV e MTVMusic già dall’aprile scorso. La regia  è di Sebastian Maulucci e Alessandro Guida che hanno avuto il supporto di ragazzi del liceo Socrate di Roma e di altri istituti.

Lo spot, che trovate alla fine del post, non fornisce dati o indicazioni preventive, si limita a invitare a informarsi e a chiamare la Gay Help Line con il claim “Meglio informarsi”. In effetti, le malattie a trasmissione sessuale, non solo la sifilide, ma anche la chlamydia e i condilomi acuminati, sono in crescita nel nostro paese e le conoscenze su di esse assai poco diffuse. E le linee verdi di aiuto sono benemerite, perché consentono alle persone di parlare, chiedere, togliersi dubbi e avere indicazioni pratiche senza esporsi.

Solo una perplessità. Ovvio il richiamo alla Gay Help Line che è stata tra i promotori dell’iniziativa, ma qui c’è il rischio serio di perpetuare il luogo comune, così duro da estirpare e così pericoloso, che queste malattie circolino solo tra i gay e rinforzare i comportamenti rischiosi degli etero che si convincono sempre più che possono ritenersi al sicuro. Niente di più sbagliato, stando ai dati di sorveglianza dell’infezione da HIV, secondo i quali le nuove infezioni si verificano soprattutto tra gli etero, e delle malattie a trasmissione sessuale diagnosticate in maggioranza tra gli etero.

Forse un piccolo richiamo che sottolineasse questo aspetto avrebbe reso ancora più di valore questa campagna.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

Una Risposta a “HIV e altre malattie a trasmissione sessuale: la campagna di Gay Help Line”

  1. Il miliardario di turno sposa la velina di turno.
    Notte di nozze nella suite presidenziale di un albergo a 25 stelle, tra quadri, statue, arazzi alle pareti…
    Lui indica gli arazzi e fa sfoggio di cultura: “Guarda, amore… un centauro, un fauno, una silfide…”
    Lei: “Silfide! ecco la malattia che mi aveva detto il dottore!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: