Carne prodotta con feci umane: solo una burla

La rete pullula di notizie riguardanti uno scienziato giapponese, Mitsuyuki Ikeda, che avrebbe raggiunto un importante risultato per coloro che sono alla ricerca di cibi proteici alternativi alla carne. Bene, il nostro amico sarebbe riuscito a creare un tipo di carne non carne utilizzando soia, essenze dal sapore di bistecca e proteine estratte da feci umane.

Nel filmato il benemerito spiega il procedimento adottato.

Riassumendo: non è carne vera, non sa di carne, costa fino a 20 volte di più a causa dei costi della ricerca e per giunta è fatta di quello che si diceva. Perché, dunque, dovremmo sceglierla? L’ineffabile scienziato elenca i vantaggi: è povera di grassi, riduce rifiuti ed emissioni di biossido di carbonio e mangiarla è un modo per completare la catena alimentare. Dal produttore al consumatore: carne a chilometri zero.

In realtà, tutto questo non è altro che una grossa burla realizzata dall’artista cinese Zhu Yu che già alcuni anni fa fece parlare di sé per delle foto che lo ritraevano mentre cuoceva e mangiava, apparentemente, un bambino o un feto. Solo il nome del prodotto scritto sull’incarto che il dottor Ikeda mostra nel filmato e sul frigorifero avrebbe dovuto destare qualche sospetto: shit burger. Eccezionale poi la bacchetta a forma di mano con indice teso completo di smalto, usata per indicare le scritte sulla lavagna: ne vorrei avere una io per le mie presentazioni!

Peccato perché, visto che da tempo qui in Italia siamo immersi fino al collo in quel materiale organico, la carne non sarebbe mai venuta a mancare nelle nostre tavole.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

7 Risposte a “Carne prodotta con feci umane: solo una burla”

  1. Il direttore di una fabbrica in cui si ricava burro dalle “torte di mucca” (in piemontese: “büse”) visita lo stabilimento.
    All’inizio della catena, il letame viene riversato nei macchinari, quindi viene rielaborato, decolorato, confezionato in panetti…
    Il direttore va al nastro trasportatore finale, prende un panetto di “burro”, assaggia e dice a un operaio:
    “Hm, sa ancora una puuunta di merda…”
    “L’unica cosa che non riusciamo a eliminare è il gusto.”

  2. a-hemmmmmmmmm, ma la Nutella… con quel colore e quella consistenza lì… 😛

  3. Vi ricordate la canzone che cantava Mina?
    Mmm che cioccolato,
    dammi il cucchiaino,
    fai assaggiare un pochettino,
    ma che bontà, ma che bontà,
    ma che cos’è questa robina qua,
    ma che bontà, ma che bontà,
    ma che gustino questa roba qua,
    Cioccolato svizzero?
    No?
    Cacao della Bolivia?
    No?
    Ma che cosa sarà mai questa robina qua.
    Cacca!?!?

  4. Stiamo scadendo!!!!
    😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: