7 modi per rovinarsi la salute

Per prima cosa sappiate che questo post è in bozze già da parecchi giorni, e questo ha fatto sì che ALicE ha avuto modo di fare qualche incursione prima della pubblicazione. Ma veniamo al merito.

Ormai lo sappiamo benissimo che il fumo fa male, così come l’abuso di alcol o il cibo spazzatura; ma non sono solo questi i nemici della nostra salute. Ci sono una serie di comportamenti, apparentemente innocui e che invece molte ricerche stanno dimostrando essere nocivi per la nostra salute. Vediamo quali sono.

1. Farsi la doccia tutti i giorni. Nick Lowe, consulente dermatologo alla Cranley Clinic di Londra: “La maggior parte delle persone si lava troppo”, ha detto. [non so chi siano gli amici di Nick Lowe, ma vorrei fargli trascorrere un po’ di ore sugli autobus romani a ora di punta: estate e inverno. Vi assicuro che cambierebbe idea! L’Italia poi, non dimentichiamoci, è il paese dove l‘omo ha da puzza‘! ] “Utilizzare acqua bollente in combinazione con saponi duri – ha continuato – può privare la pelle dei suoi oli con conseguente secchezza, screpolature e persino infezioni. Per la maggior parte di noi non c’è bisogno di lavarsi accuratamente ogni giorno [che non lo ripeta due volte. Specie ad alcuni miei colleghi. Per piacere!]”.

2. Dormire 8 ore a notte. “Ci siamo evoluti – ha spiegato Jim Horne dello Sleep Research Centre della Loughborough University – per avere modelli di sonno molto flessibili e frammentati, tra cui anche il sonnellino diurno”. Svegliarsi quindi alle 3 di notte di per sé non è un male, purché non ci si lasci sopraffare dall’ansia e ci si occupi di qualcosa di rilassante come leggere un libro finché il corpo non è pronto per un nuovo sonnellino [Si, ecco. Poi, caro Jim, glielo spieghi tu al mio capo il motivo per cui mi addormento sulla tastiera del PC? Oppure perchè per evitare di farlo devo andare 8 volte alla macchinetta del caffè? E ai colleghi, che a quel punto aggredisco come fossi un Rottweiler nano solo se mi rivolgono parola? Spieghi a tutti che “che bello! Ha dormito solo 4 ore stanotte!”].

3. Risciacquare la bocca dopo aver lavato i denti. Per Phil Stemmer del Fresh Breath Centre di Londra, “il risciacquo lava via il rivestimento protettivo al fluoro lasciato dal dentifricio che, altrimenti, avrebbe aggiunto ore di protezione in più”. E comunque è assolutamente vietato lavarsi i denti subito dopo mangiato [E bravo Phil! Ci ho messo anni a insegnare ai miei Figli a lavarsi i denti dopo i pasti, e arrivi tu candido candido a rovesciare le mie teorie?]: “Aspetta almeno mezz’ora – ha detto l’esperto – perché gli acidi e gli zuccheri alimentari indeboliscono temporaneamente lo smalto protettivo dei denti. Se si puliscono troppo presto in realtà si sta spazzolando via dello smalto prima che si indurisca nuovamente. La migliore abitudine è quella di lavarsi i denti prima dei pasti e poi rinfrescarseli dopo il pasto con un colluttorio senza alcol”.

4. Stare seduti sul gabinetto. Per quanto comodo possa essere stare seduti sul gabinetto, questa posizione può far male alla salute. Uno studio israeliano, pubblicato sulla rivista Digestive Disease and Sciences, ha rivelato che la posizione più naturale è quella di stare accovacciati perché richiede meno sforzo.[Ecco qui! Figuriamoci se gli israeliani non ci si mettevano di mezzo. Ora al posto dei normali gabinetti metteremo tutti dei cessi alla turca dentro casa! Sai come sarebbe contento mio figlio che al bagno si porta l’Enciclopedia Britannica?] Questo a sua volta riduce il rischio di soffrire di problemi intestinali come emorroidi o malattie diverticolari.

5. Le faccende domestiche. Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto in uno studio condotto su oltre 100 uomini e donne che la responsabilità di gestire una casa aumenta significativamente la pressione sanguigna. I fattori che più di tutti fanno impennare la pressione sono proprio le faccende domestiche, come cucinare, pulire e fare la spesa. I risultati, pubblicati sulla rivista Psychosomatic Medicine, suggeriscono che non è tanto il carico di lavoro da svolgere il vero problema, ma è lo stress su come affrontarlo che causa il danno maggiore. [Quindi: chi soffre di pressione alta dovrebbe smettere di fare le faccende. Almeno di farle stressandosi. Gli altri, quelli che soffrono di pressione bassa, non solo possono, ma anzi, devono continuare a farle cercando di essere più stressati possibile. Così abbiamo preso due piccioni con una fava! Che Laura dal canto suo non si preoccupi, questo punto non la riguarda: la sua pressione resterà immobile! Come lei in casa d’altra parte]

6. Respirare in modo distratto. Quando ci viene chiesto di fare un respiro profondo tendiamo a gonfiare a dismisura il petto; ma non c’è niente di più sbagliato, almeno secondo Neil Shah, psicoterapeuta e direttore della Stress Management Society. “Da bambini – ha detto – tutti abbiamo respirato dalle nostre pance, un tipo di respirazione che utilizza tutte le capacità polmonari. Ma quando si invecchia si torna allo stile più inefficiente di respirazione toracica. Questo significa che l’aria viziata indugia nel fondo dei nostri polmoni e, visto che i nostri polmoni hanno una capacità limitata, l’aria fresca non raggiunge mai la parte inferiore’”. Ed è proprio la parte inferiore dei polmoni a contenere i vasi sanguigni più importanti per lo scambio di gas e ossigeno.  [E certo perché infatti è noto che chiunque di noi prima di ogni respiro pensa, si arrovella e ragiona: come farlo, quale parte del polmone aprire, quanto dilatare la gabbia toracica… A Neil Shah… Ma non c’hai altro da fare durante il giorno??? ]

7. Rilassarsi dopo cena. Capita a tutti la sera di cenare velocemente e buttarsi sul divano, magari davanti alla televisione. “Se sei inattivo la sera è più probabile che il corpo trasformi in grasso il cibo”, ha detto Claire MacEvilly, nutrizionista del laboratorio Human Nutrition Research alla Cambridge University. E’ invece consigliabile spostare l’assunzione di calorie al mattino, mangiando una colazione abbondante [Si, sai che abbiocco in ufficio con lo stomaco pieno? Una bella pennica e passa la paura!]. In questo modo infatti si bruciano più calorie nel mentre si svolgono le normali attività quotidiane [E gli impiegati? Le cui attività quotidiane consistono nello star seduti a una scrivania? Sai quanto bruciano?]. Oppure si può fare una bella camminata veloce di 20 minuti dopo cena, ha raccomandato MacEvilly. [Ma ‘sto MacEvilly che fa di mestiere? Io dopo una giornata passata tra figli-ufficio-spesa-casa-figli-cena-dopocena-blog sono sfranta. E se mi proponi una camminata veloce rischi pure caro MacEvilly di essere mandato aff….]

Annunci

Informazioni su Cynthia

Gli specchi farebbero bene a riflettere prima di rimandarci la nostra immagine

6 Risposte a “7 modi per rovinarsi la salute”

  1. Toh, conduco una vita spericolata e neanche me ne sono resa mai conto! 😯

  2. ehi è vero, anch’io! al confronto Vasco Rossi era un principiante (al massimo al massimo, tra i suoi stravizi, si sarà concesso i numeri 4 e 6).

  3. Mi è capitato per un periodo di svegliarmi più volte durante la notte. Senza ansia cominciavo a fare di tutto: leggere, scrivere, sbrigare la corrispondenza e tanto altro. Ma poi riprendere sonno era una pia illusione. Tiravo mattina dalle 2, le 3 e al lavoro ero da buttare. Ma forse il dottor Horne si impasticca?

  4. ahhaha, siete tanto famose da essere state copiate da repubblica, ecco il link http://www.repubblica.it/salute/ricerca/2011/04/29/news/buone_abitudini-15458415/?ref=HRERO-3
    sentitevi onorate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: