Departures – il film

Il film che vorrei segnalarvi non è nuovo. È uscito nel 2008, ha sbancato il 32° Japan Academy Prize Awards assicurandosi dieci premi, e nel 2009 ha vinto l’Oscar come miglior film straniero. Da noi è arrivato nella primavera del 2010. Si intitola Departures ed è giapponese.

Mi ha ricordato molto il bel romanzo di Mary B. Tolusso L’imbalsamatrice, del quale riferivo in questo post e di cui si parla nell’intervista all’autrice. Forse ho scelto di vederlo proprio perché mi aspettavo che mi riportasse alle atmosfere di quel libro e sapevo che di questi tempi il mio umore sarebbe stato in sintonia con esso.

Le mie aspettative non sono andate deluse. È la storia di un uomo che di lavoro fa il tanatoestetista, colui cioè che prepara i morti prima “dell’ultimo viaggio”, che in Giappone termina con la cremazione.

È un lavoro che non sceglie, che inizialmente, dopo aver abbandonato la convinzione di essere un violoncellista di talento, svolge per necessità, e che poi continua a fare con dedizione e delicatezza, nonostante attiri su di lui giudizi malevoli e pregiudizi di chi lo circonda. Come dice tra sé il protagonista: “Dare a un corpo divenuto freddo una bellezza che durerà per sempre, con calma, con precisione, ma soprattutto con tanta amorevolezza, pur nella tristezza dell’ultimo addio, quanto viene eseguito per preparare il defunto, immersi nel silenzio pieno di pace, mi appare meraviglioso”.

In Giappone tutto questo è un rituale che si svolge davanti ai parenti del morto, ma anche con la loro collaborazione. Rappresenta dunque una sorta di addio che questi gli tributano prima di lasciarlo andare.

Il protagonista, infatti, viene a contatto con i familiari e quindi con il dolore, la sofferenza, la rabbia, il rimpianto, il rimorso e con tutta la gamma di emozioni che una perdita provoca.

Departures è un film pieno di poesia e di musica, che ci mostra incantevoli paesaggi di un Giappone non metropolitano.

Forse il finale è un po’ prevedibile, ma a un film così glielo si può perdonare.

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

4 Risposte a “Departures – il film”

  1. È uno dei più bei film che abbia mai visto, in cui non solo la storia, la scenografia, la fotografia e le interpretazioni sono fantastiche, e dove viene fuori l’incredibile delicatezza del manierismo giapponese e sfumature infinite attraverso i toni di voce: anche la colonna sonora originale, tutta giapponese, è bellissima.
    Un film per tutti di sicuro.

  2. a proposito di tanato-estetica: al tiggì è ricominciata la campagna per l’influenza A, tremate, tremaaaaaaaaateeeeeeeeeeeeeee

    😆 😆 😆

    • TIE’ !!! 🙂
      Non so come si faccia la faccina sorridente con le mani che toccano le parti basse… 🙂
      Io oggi leggendo del 51enne diabetico schiattato in meno di 24 ore in Puglia, essendo anch’io 51enne, diabetico e pure sovrappeso (ammazza soprattutto giovani e obesi), non ero poi cosí contento…

      • caro HDR, non ce l’avevo con te 😀 mi riferivo alla satira delle Ragazze contro questa fantomatica influenza, ma non ricordo se all’epoca tu leggessi già questo blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: