Pubblicità regresso

Ci risiamo! Pensavamo di essercene liberati e invece no! Vi ricordate la famiglia Boccasana? Madre, padre e due figli che in pubblicità curavano i loro problemi di gola con il Tantum Verde? Bene! Sono tornati in versione femminile. E più scema ancora se possibile.

E allora dopo le trentenni che se la fanno sotto, è arrivata sui nostri teleschermi un’altra imbecille. A tutti capita di tardare a un appuntamento. E a tutti è capitato di dover raccontare una balla per giustificarsi: l’autobus si è rotto. Ho trovato traffico. Una manifestazione mi ha bloccato per un’ora. Mi ha fermato la polizia. Mi è andato a fuoco lo spazzolino da denti… Insomma delle scuse, buone o meno, credibili o farlocche si inventano facilmente.

Ma sapete quale ha escogitato la signorina della pubblicità per scusarsi del ritardo con 2 amiche che l’aspettavano?

Le prudeva. Si, le prudeva la Jolanda, per dirla alla maniera della Litizzetto. Le prudeva talmente che si è dovuta fermare in farmacia, acquistare una confezione di Tantum Rosa in bustine e farsi una lavandina veloce veloce e taumaturgica. Miracolosa oserei dire! Ma dico io! Ma non potevi inventarti qualcosa di più creativo? Che ne so? Hai dovuto togliere il guano dal parabrezza della macchina con uno scalpello. Oppure hai dovuto pulire la diarrea del tuo gatto sulla moquette del salotto! No! Vi rendete conto davanti a cosa si ferma una ragazza dei nostri tempi? A un po’ di prurito vaginale!

E’ un bel messaggio, non trovate? La Signorina F – – asana tarda a un appuntamento per colpa di una grattatina! E se “questa” pubblicità è l’anima del commercio, vuol dire davvero che siamo in un periodo di crisi. E quindi per aiutare i Laboratori Farmaceutici Angelini a superare questo triste momento economico, facciamo loro un po’ di pubblicità gratuita.

Annunci

2 Risposte a “Pubblicità regresso”

  1. Non per Litizzettare anch’io, ma una volta certi pruriti non si curavano con metodi più naturali?

  2. la distorsione pubblicitaria è oltremodo schizofrenica: un tempo certi disturbi erano appannaggio del post-menopausa… ora, invece, i problemi insorgerebbero in anni sempre più anticipati, visto che le giovinette si rifanno il seno o si “modificano/aggiustano” la vulva….
    il modo di presentare la donna, il suo corpo, la sua capacità di pensare, di essere inserita nel mondo, porta a chiedersi: ma io chi sono? dove mi colloco? ….
    con ricadute non indiffirenti sulle persone più fragili, uomini o donne che siano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: