Trentenni incontinenti

Dice Luciana Littizzetto che in pubblicità le donne o sono idiote o sono nude. Vero. Però ora c’è una terza onorevole opzione: sono incontinenti anche se trentenni.

Nel nuovo spot dei pannolini Tena Lady Mini Magic tre ragazze se la ridono mentre una di loro dichiara: “Adesso che ho 30 anni non voglio permettere che le piccole perdite urinarie influenzino la mia vita”.

Che cosa è questo Mini Magic? Eccone la descrizione:

“Lungo 15 cm e spesso solo 3 mm, è piccolo come un normale proteggi slip, ma molto più assorbente. Grazie all’innovativo sistema QuickDry, permette la rapida penetrazione dei liquidi e ne impedisce la risalita in superficie. Inoltre, il sistema Odour Control, di cui è dotato, è efficace contro l’insorgenza degli odori e dona a lungo una piacevole sensazione di freschezza. È estremamente discreto anche grazie alla sua speciale confezione: una volta rimossa la pellicola trasparente esterna, infatti, si trasforma in un grazioso e femminile bauletto azzurro da riporre dove si vuole nel rispetto della propria privacy”.

Così nessuno si accorge che ce la facciamo sotto anche a 30 anni!

Vogliamo dire che le trentenni non sono più quelle di una volta? Oppure è la pubblicità a essere sempre uguale a se stessa, pronta a passare sopra a tutto, anche al buon gusto e al buon senso, fino a sfiorare il ridicolo, pur di raggiungere l’obiettivo di lancio e di vendita di un prodotto?

Però, che orrore!

Annunci

Informazioni su laura

rinunciare all'animosità significa diventare liberi

9 Risposte a “Trentenni incontinenti”

  1. Gli uomini in compenso sono idioti e basta.
    Ma vi pare logico che Montesano debba sp*****are decenni di onorata carriera con una pubblicità infame recitata in maniera immonda?!

  2. Cavolo, devo essermela persa! Sarà che non vedo più tanta TV “in diretta”.
    Qual è?

  3. La pubblicità del semifreddo Grand Soleil (senza per questo voler parlare male del prodotto in sé ecc. ecc.). Ce ne sono varie versioni; in questo periodo sta, ovvio, andando in onda la versione natalizia. La co-protagonista è Antonella Clerici, che però se la cava attorialmente un po’ meglio.

  4. Peccato, perchè so che l’ha diretta Ricky Tognazzi. Che è un regista che apprezzo.
    Comunque l’ho sentita alla radio, solo nella versione di Antonella Clerici. E non so se mi disturba più quella, la Ferilli (“bbeato chi s’o’ fa’… er sofà!”) o “Tau con G è uguale a meno G per enne fratto R”…

    Un bel match!

  5. guardo così poco la tv che non conosco le cose che citate.
    utilizzo qualche strategia che, se diffusa, potrebbe dissuadere gli idioti pubblicitari: acquisto preferibilmente prodotti selezionati, ad esempio COOP; latte ad alta qualità della zona dove mi trovo in quel momento, frutta e verdura di stagione e possibilmente dei produttori locali…..
    rigorosamente non compero ciò che mi ha orripilato attraverso la pubblicità.
    è evidente, tuttavia, che finchè mostrano str….te e funziona, è perchè trovano comunque chi acquista nonostante tutto o proprio per questo!
    flavia

  6. Sui prodotti “selezionati” Coop ci sarebbe qualcosetta da ridire, ma non apriamo un fronte…

    • apriamolo il fronte… non sono documentata, ho sentito qualche altra battuta. accolgo volentieri indicazioni e suggerimenti. grazie

  7. E’ una vergogna questa pubblicità della Tena Lady, sono indignata: bella figura che hanno fatto fare ad una giovane e bella ragazza dagli occhi verde smeraldo, che poteva prestarsi a fare reclames più decenti (anche se lo ha fatto per soldi! io non lo farei nemmeno per milioni di euro) e a tutte le giovani donne, evidentemente prese da questi megalomani signori per inguaribili piscione!
    Eppoi sembra un paradosso parlare di “odore” di perdite di urina, quando è notoriamente risaputo che si tratta di PUZZA e non di ODORE.
    Ormai in Italia stiamo toccando il fondo anche nelle pubblicità, finita l’epoca dei “Caroselli” divertentissimi che guardavano i bambini prima di andare a dormire, siamo costretti ad assistere a queste orribili cadute di gusto: non discuto del prodotto, che sarà ottimo, ma, a mio modesto parere, questa pubblicità dovrebbe essere riveduta e corretta, non dico di fare tabula rasa, ma è un gesto sicuramente volgare ed offensivo nei confronti dell’universo femminile.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: